Varese: riparte l’accoglienza notturna dei senzatetto con gli Angeli Urbani

La stessa associazione è impegnata anche nella distribuzione di vestiti e alimenti

02 novembre 2015
Guarda anche: Varese
angeliurbani

Riprende l’attività di accoglienza notturna per i senza tetto all’ex Chalet Martinelli in piazzale Trieste, accanto alle Fs, a cura degli Angeli Urbani con la collaborazione dell’assessorato a Famiglia e Persona.
A presentare il servizio stamattina il sindaco Attilio Fontana, l’assessore Enrico Angelini, il referente dell’associazione Walter Piazza con Piera Cesca.
Il servizio è stato attivato nel 2009. Gli attuali ospiti sono 14, di cui la metà italiani.
«Per ora è aperto il dormitorio – ha spiegato Piera Cesca -: quando farà più freddo gli ospiti potranno restare anche di giorno. Ci sono regole da seguire, sull’igiene, e non si possono introdurre alcolici. Tutti i giorni facciamo la distribuzione di pane e focacce: le persone che richiedono sono passate da 30 a80 e sono soprattutto donne ucraine e moldave, ma ci sono anche italiani. C’è anche la distribuzione di vestiario, soprattutto il sabato. Ringraziamo i varesini che ci portano tanto, anche carrozzine, passeggini, piatti, necessario per i più piccoli». Anche Walter Piazza ha sottolineato la generosità della gente, con tante donazioni. Siamo riusciti anche a reinserire alcuni ospiti nel mondo lavorativo».
«Con la riapertura – ha detto Angelini – si torna a dare una risposta a un problema importante dell’accoglienza notturna. Risposte commisurate al bisogno, strutture né troppo grandi né troppo piccole. In primavera abbiamo attivato la Rete per i senzatetto per dare risposte alle due principali questioni: il ricovero notturno, che ha trovato appunto questa risposta egregia, con il dormitorio comunale di via Maspero, e il centro diurno che sarà avviato nei prossimi giorni dopo la fase intermedia di Biumo Inferiore. Qui all’ex Chalet si tratta comunque di accoglienza per senza fissa dimora del territorio, non provenienti da fuori».
Il sindaco ha ringraziato «l’associazione che ha proposto l’idea e avviato il progetto e l’assessorato che nonostante il periodo difficile riesce a dare risposte a quasi tutte le richieste che arrivano. E’ la risposta della Varese solidale e dell’amministrazione per venire incontro a esigenze sempre maggiori».
Lo scorso inverno sono passate al centro circa 30 persone, presenti in media 55 giorni ciascuna. Il centro sarà aperto fino a marzo (o anche successivamente, a seconda delle condizioni meteo).

Riprende l’attività di accoglienza notturna per i senza tetto all’ex Chalet Martinelli in piazzale Trieste, accanto alle Fs, a cura degli Angeli Urbani con la collaborazione dell’assessorato a Famiglia e Persona.
A presentare il servizio stamattina il sindaco Attilio Fontana, l’assessore Enrico Angelini, il referente dell’associazione Walter Piazza con Piera Cesca.
Il servizio è stato attivato nel 2009. Gli attuali ospiti sono 14, di cui la metà italiani.
«Per ora è aperto il dormitorio – ha spiegato Piera Cesca -: quando farà più freddo gli ospiti potranno restare anche di giorno. Ci sono regole da seguire, sull’igiene, e non si possono introdurre alcolici. Tutti i giorni facciamo la distribuzione di pane e focacce: le persone che richiedono sono passate da 30 a80 e sono soprattutto donne ucraine e moldave, ma ci sono anche italiani. C’è anche la distribuzione di vestiario, soprattutto il sabato. Ringraziamo i varesini che ci portano tanto, anche carrozzine, passeggini, piatti, necessario per i più piccoli». Anche Walter Piazza ha sottolineato la generosità della gente, con tante donazioni. Siamo riusciti anche a reinserire alcuni ospiti nel mondo lavorativo».
«Con la riapertura – ha detto Angelini – si torna a dare una risposta a un problema importante dell’accoglienza notturna. Risposte commisurate al bisogno, strutture né troppo grandi né troppo piccole. In primavera abbiamo attivato la Rete per i senzatetto per dare risposte alle due principali questioni: il ricovero notturno, che ha trovato appunto questa risposta egregia, con il dormitorio comunale di via Maspero, e il centro diurno che sarà avviato nei prossimi giorni dopo la fase intermedia di Biumo Inferiore. Qui all’ex Chalet si tratta comunque di accoglienza per senza fissa dimora del territorio, non provenienti da fuori».
Il sindaco ha ringraziato «l’associazione che ha proposto l’idea e avviato il progetto e l’assessorato che nonostante il periodo difficile riesce a dare risposte a quasi tutte le richieste che arrivano. E’ la risposta della Varese solidale e dell’amministrazione per venire incontro a esigenze sempre maggiori».
Lo scorso inverno sono passate al centro circa 30 persone, presenti in media 55 giorni ciascuna. Il centro sarà aperto fino a marzo (o anche successivamente, a seconda delle condizioni meteo).

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti