Varese: riparte l’accoglienza notturna dei senzatetto con gli Angeli Urbani

La stessa associazione è impegnata anche nella distribuzione di vestiti e alimenti

02 novembre 2015
Guarda anche: Varese
angeliurbani

Riprende l’attività di accoglienza notturna per i senza tetto all’ex Chalet Martinelli in piazzale Trieste, accanto alle Fs, a cura degli Angeli Urbani con la collaborazione dell’assessorato a Famiglia e Persona.
A presentare il servizio stamattina il sindaco Attilio Fontana, l’assessore Enrico Angelini, il referente dell’associazione Walter Piazza con Piera Cesca.
Il servizio è stato attivato nel 2009. Gli attuali ospiti sono 14, di cui la metà italiani.
«Per ora è aperto il dormitorio – ha spiegato Piera Cesca -: quando farà più freddo gli ospiti potranno restare anche di giorno. Ci sono regole da seguire, sull’igiene, e non si possono introdurre alcolici. Tutti i giorni facciamo la distribuzione di pane e focacce: le persone che richiedono sono passate da 30 a80 e sono soprattutto donne ucraine e moldave, ma ci sono anche italiani. C’è anche la distribuzione di vestiario, soprattutto il sabato. Ringraziamo i varesini che ci portano tanto, anche carrozzine, passeggini, piatti, necessario per i più piccoli». Anche Walter Piazza ha sottolineato la generosità della gente, con tante donazioni. Siamo riusciti anche a reinserire alcuni ospiti nel mondo lavorativo».
«Con la riapertura – ha detto Angelini – si torna a dare una risposta a un problema importante dell’accoglienza notturna. Risposte commisurate al bisogno, strutture né troppo grandi né troppo piccole. In primavera abbiamo attivato la Rete per i senzatetto per dare risposte alle due principali questioni: il ricovero notturno, che ha trovato appunto questa risposta egregia, con il dormitorio comunale di via Maspero, e il centro diurno che sarà avviato nei prossimi giorni dopo la fase intermedia di Biumo Inferiore. Qui all’ex Chalet si tratta comunque di accoglienza per senza fissa dimora del territorio, non provenienti da fuori».
Il sindaco ha ringraziato «l’associazione che ha proposto l’idea e avviato il progetto e l’assessorato che nonostante il periodo difficile riesce a dare risposte a quasi tutte le richieste che arrivano. E’ la risposta della Varese solidale e dell’amministrazione per venire incontro a esigenze sempre maggiori».
Lo scorso inverno sono passate al centro circa 30 persone, presenti in media 55 giorni ciascuna. Il centro sarà aperto fino a marzo (o anche successivamente, a seconda delle condizioni meteo).

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare