Varese: riparte l’accoglienza notturna dei senzatetto con gli Angeli Urbani

La stessa associazione è impegnata anche nella distribuzione di vestiti e alimenti

02 novembre 2015
Guarda anche: Varese
angeliurbani

Riprende l’attività di accoglienza notturna per i senza tetto all’ex Chalet Martinelli in piazzale Trieste, accanto alle Fs, a cura degli Angeli Urbani con la collaborazione dell’assessorato a Famiglia e Persona.
A presentare il servizio stamattina il sindaco Attilio Fontana, l’assessore Enrico Angelini, il referente dell’associazione Walter Piazza con Piera Cesca.
Il servizio è stato attivato nel 2009. Gli attuali ospiti sono 14, di cui la metà italiani.
«Per ora è aperto il dormitorio – ha spiegato Piera Cesca -: quando farà più freddo gli ospiti potranno restare anche di giorno. Ci sono regole da seguire, sull’igiene, e non si possono introdurre alcolici. Tutti i giorni facciamo la distribuzione di pane e focacce: le persone che richiedono sono passate da 30 a80 e sono soprattutto donne ucraine e moldave, ma ci sono anche italiani. C’è anche la distribuzione di vestiario, soprattutto il sabato. Ringraziamo i varesini che ci portano tanto, anche carrozzine, passeggini, piatti, necessario per i più piccoli». Anche Walter Piazza ha sottolineato la generosità della gente, con tante donazioni. Siamo riusciti anche a reinserire alcuni ospiti nel mondo lavorativo».
«Con la riapertura – ha detto Angelini – si torna a dare una risposta a un problema importante dell’accoglienza notturna. Risposte commisurate al bisogno, strutture né troppo grandi né troppo piccole. In primavera abbiamo attivato la Rete per i senzatetto per dare risposte alle due principali questioni: il ricovero notturno, che ha trovato appunto questa risposta egregia, con il dormitorio comunale di via Maspero, e il centro diurno che sarà avviato nei prossimi giorni dopo la fase intermedia di Biumo Inferiore. Qui all’ex Chalet si tratta comunque di accoglienza per senza fissa dimora del territorio, non provenienti da fuori».
Il sindaco ha ringraziato «l’associazione che ha proposto l’idea e avviato il progetto e l’assessorato che nonostante il periodo difficile riesce a dare risposte a quasi tutte le richieste che arrivano. E’ la risposta della Varese solidale e dell’amministrazione per venire incontro a esigenze sempre maggiori».
Lo scorso inverno sono passate al centro circa 30 persone, presenti in media 55 giorni ciascuna. Il centro sarà aperto fino a marzo (o anche successivamente, a seconda delle condizioni meteo).

Tag:

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.