Varese, riapre il Museo Castiglioni

Da sabato 20 giugno sarà nuovamente visitabile il museo con un’esposizione rinnovata e ampliata,

18 giugno 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
villa toeplitz

Sono tre le sezioni del Museo etno archeologico dedicato alla cultura africana, ospitato nella dependance di Villa Toeplitz: Il Deserto del Sahara “storico”, il Deserto del Sahara preistorico e la savana africana.

La prima parte del percorso espositivo è caratterizzato dalla ricostruzione di un grande accampamento Tuareg. Oltre alla tenda, composta da decine di pelli di capra, dipinte di ocra rossa e sapientemente cucite dalle donne, sono presenti tutti gli oggetti e gli utensili della vita quotidiana di questa popolazione: variopinte sacche per i viveri e per gli indumenti, armi, semplici giacigli, oggetti di cucina, indumenti, macine, ecc. La tenda è circondata da una stuoia che funge da parete realizzata da due donne con il sapiente lavoro di un anno.

Nella seconda sala del museo si trova la ricostruzione di una carovana Tuareg probabilmente smarritasi e perita di sete, che evidenzia i rischi che si corrono a vivere in un ambiente ostile come il deserto. Oggi, come nel passa­to, i pericoli che deve affrontare chi viaggia nel deserto sono sempre gli stessi: perdere la direzione, essere sorpreso da una tempesta di sabbia, trovare un pozzo insabbiato.

Nell’antichità molte carovane solcavano il deserto alla ricerca di pietre preziose e minerali, in particolare l’oro. Questo è il tema trattato nella successiva sala del museo. Facendo un salto nel passato vengono mostrate le tecniche di estrazione dell’oro e gli strumenti utilizzati a questo scopo nel mondo antico “classico”.

Le miniere aurifere del deserto nubiano, soprattutto sudanese, per millenni furono le principali, se non le uniche, produttrici di questo prezioso metal­lo. Quasi certamente a partire dal IV millennio prima di Cristo fino al XIII secolo della nostra era, le vene di quarzo aurifero vennero continuamente ed intensivamente sfruttate, soprattutto dagli egizi del periodo faraonico che da queste zone ottennero grandi quantitativi del prezioso metallo.

Nella sala successiva, andando indietro ulteriormente nel passato fino a giungere al paleolitico, si possono ammirare i calchi, riprodotti con una speciale resina, dei graffiti dello uadi Bergiug e del sistema dei suoi affluen­ti, in una località posta a sud ovest della Libia, nelle vicinanze del Tchad, a sud della regione del Fezzan. Nel passato la zona era un centro im­portantissimo di vita spirituale e il luogo di contatto tra le culture del bacino mediterraneo e delle regioni subequatoriali. Le ricerche condotte sui graffiti da studiosi di varie discipline hanno contribuito a fornirci informazioni sul sistema habitat-società-economia degli uomini che hanno realizzato queste antiche opere d’arte.

Passando alla savana è possibile ammirare le acconciature, i colori, gli ornamenti e la pittura del corpo dei Nilo Camiti, popolazioni che vivono nell’Africa Orientale tra le quali le più note sono i Samburu, i Pokot e i Maasai.

Per mostrarci la preziosità e l’accuratezza del lavoro svolto da acconciatori e decoratori, i fratelli Castiglioni e la loro équipe hanno messo a disposizio­ne degli indigeni più esperti delle parrucche con capelli dalle caratteristi­che molto simili a quelli della tribù stessa, invitandoli a riprodurre le varie acconciature. Lavorate con la stessa meticolosità degli originali, le parrucche sono appoggiate su busti di terracotta modellati appositamente da uno scultore in base all’antropolo­gia fisica, tecnica che ha consentito la riproduzione dei caratteri somatici tipici dell’etnia.

Nell’ultima stanza sono esposti, in tre vetrine, gli oggetti di uso quotidiano, i vestiti, gli ornamenti, i gioielli e le armi dei Nilo camiti.

Per informazioni:  03321694229 – info@museocastiglioni.it – www.museocastiglioni.it

Tag:

Leggi anche:

  • Europeo under 21 – Italia, il sogno finisce qui, in finale ci va la Spagna

    Ci hanno provato gli uomini di mister Di Biagio, reggendo bene l’urto nei primi 45′, ma poi cedendo al palleggio spagnolo che dimostra come questa nazionale sia ancora qualche gradino superiore rispetto ai nostri. Dopo una prima frazione di gioco equilibrata, nella ripresa arriva il gol
  • Europeo under 21 – E’ il grande giorno di Italia-Spagna

    Gli occhi sono tutti puntati su di loro, su quei baby-grandi calciatori speranza azzurra in un Europeo tanto giovane quanto affascinante. Affascinante, e non potrebbe essere diversamente, anche la sfida delle sfide di questa sera tra Italia e Spagna. Perché questa sera sarà semifinale, questa
  • Riparte la stagione estiva alle Bettole

    Si alza il sipario sulla grande stagione estiva de Le Bettole di Varese. Domani sera (prima gara alle ore 20.20), infatti, l’ippodromo varesino aprirà le sue porte per il primo dei 13 appuntamenti ippici in programma nella Città Giardino tra giugno, luglio e agosto. Se domani, come afferma
  • Europeo under 21 – Bernardeschi castiga la Germania, Italia in semifinale

    Impresa della nazionale under 21 che grazie ad un gol al 31′ della ripresa di Bernardeschi, e grazie anche alla vittoria della Danimarca per 4 a 2 sulla Repubblica Ceca, vola in semifinale in quest’europeo under 21. La Germania è battuta dunque ma si qualifica come seconda del girone