Varese, piazzale Kennedy, Galimberti: “Sosta gratuita per la prima ora”

Lo propone il candidato alle primarie del centrosinistra Davide Galimberti

26 novembre 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
kennedy piazzale parcheggio mercato

Centinaia di posti liberi ogni giorno: praticamente un parcheggio fantasma nel cuore di Varese. E’ quanto ha costato Davide Galimberti, candidato alle primarie del centro sinistra, dopo diversi sopralluoghi in piazzale Kennedy, l’area che tre volte alla settimana ospita il mercato cittadino ma che nei restanti giorni è sottoutilizzato dai varesini.

“Se si escludono pochi pendolari che usano il parcheggio per lasciare l’auto e prendere il treno per Milano – spiega Galimberti – per il resto lo spazio resta praticamente vuoto per tutto il giorno. E’ evidente quindi che siamo di fronte ad una cattiva gestione e una pessima pianificazione della mobilità di quello che potrebbe diventare un parcheggio utile per i cittadini, a due passi dal centro della città. Inoltre, invogliare i cittadini a lasciare l’auto in piazzale Kennedy, consentirebbe di ridurre il traffico nel centro e favorirebbe l’uso del parcheggio anche per brevi soste per piccole commissioni e acquisti, aiutando in questo modo anche il commercio varesino. Il potenziamento del parcheggio aiuterebbe anche la ripresa delle attività economiche presenti nel circondario”.

“La mia proposta per una prima fase è di introdurre la sosta gratuita per la prima ora di parcheggio, per poi pagare in base al reale tempo di sosta – continua – in un’ora i cittadini di commissioni e spese ne fanno parecchie. L’attuale costo di 3 euro potrà essere lasciato per chi invece decide di lasciare l’auto per tutto il giorno. Una modulazione delle tariffe quindi consentirebbe di allargare l’interesse per questa area e favorirne l’utilizzo. Premiamo chi decide di non attraversare il centro con l’auto, aumentando traffico e smog, magari per una piccola sosta di meno di un’ora. E’ inoltre necessario prevedere le possibilità di pagare il parcheggio non solo con le monetine ma anche con le carte di pagamento ed il cellulare. Varese anche su questo deve modernizzarsi. Quando poi sarò sindaco di Varese realizzeremo il Piano per la Mobilità Urbana in cui necessariamente problemi come quello di piazzale Kennedy, o le tariffe serali dei parcheggi in centro, dovranno essere affrontati e rivisti in una ottica più globale e organica per ripensare davvero la mobilità varesina, rendendola efficiente e riducendo traffico e smog. Prima di pensare a nuovi investimenti costosi bisogna pensare a come valorizzare al massimo le infrastrutture esistenti e poco sfruttate. Questo deve essere lo spirito di un’amministrazione che guarda con attenzione ai risparmi e all’efficienza”.

Sul tema del parcheggio di piazzale Kennedy si era a lungo battuto il blogger varesino Mauro Gregori, che porta avanti le sue opinioni sulla pagina Facebook “Varese la vedo così”.

Tag:

Leggi anche:

  • Galimberti contro il contratto Lega/M5S

    Sabato 20 maggio alle 17.30 il sindaco di Varese, Davide Galimberti, è andato al gazebo della Lega per partecipare alla consultazione sul programma di governo di Lega e M5s. La scelta controcorrente è spiegata così dal sindaco Galimberti: “Le consultazioni con gli elettori al gazebo è dal
  • Fontana e Galimberti insieme su politiche sociali abitative e sport

    Condividere soluzioni comuni su tutta una serie di temi particolarmente importanti per l’amministrazione comunale di Varese. Questo l’obiettivo dell’incontro che si è svolto oggi a Palazzo Lombardia fra il presidente della Regione e il sindaco, Davide Galimberti. I TRE ACCORDI
  • Un Weekend spirituale e diplomatico per la giunta di Varese

    Sabato 12 maggio 2018, il sindaco Davide Galimberti e l’assessore Roberto Molinari saranno presenti al convegno: “Il lascito spirituale e culturale del Cardinale Attilio Nicora – Il pastore e il diplomatico” che si svolgerà a partire dalle ore 9.00 nel Salone Estense del Comune di
  • Viale Ippodromo, il pensiero di Galimberti alle famiglie

    “Gentile signora Schena, le sue parole mi toccano profondamente come uomo prima ancora che come sindaco. Prima di tutto il mio pensiero è andato alle bambine coinvolte nell’incidente e ai loro genitori appena ho saputo stamattina di un fatto così grave. Posso solo immaginare la