Varese: partono i lavori per il marciapiede in via Ottorino Rossi

Anche una nuova illuminazione nella strada che porta al campus universitario e all'Ats

30 settembre 2016
Guarda anche: Varese
asfaltatura

“Sono molto soddisfatto perché diamo il via ai lavori per la realizzazione di un’opera che unisce in sé due aspetti molto importanti: il miglioramento della mobilità urbana e quello di una maggiore sicurezza per gli studenti dell’Università e di chi accede ai servizi del quartiere”. E’ questo il commento di Davide Galimberti, sindaco di Varese, in merito ai lavori che inizieranno lunedì per la realizzazione di un nuovo marciapiede e l’istallazione di un nuovo impianto d’illuminazione in via Ottorino Rossi, la strada che collega viale Borri con il Campus universitario dell’Insubria, nonché con la sede dell’Ats.

Il cantiere prenderà il via lunedì 3 ottobre e i lavori procederanno spediti per creare meno disagi possibili al traffico e alla circolazione. Si comincerà con la sostituzione degli alberi malati, per poi procedere alla realizzazione del nuovo camminamento riservato ai pedoni, oggi inesistente, e del sistema d’illuminazione.

“Ogni giorno migliaia di studenti dell’Università degli Studi dell’Insubria percorrono la via Ottorino Rossi per recarsi al Campus universitario a seguire lezioni, esami o esercitazioni: realizzare il marciapiede per noi è di fondamentale importanza per preservare la sicurezza e l’incolumità di questi ragazzi – sottolinea il magnifico rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, professor Alberto Coen Porisini -. Da quando tutta la didattica si è spostata tra i padiglioni del Campus, ossia già da diversi anni, il traffico pedonale e veicolare in quella zona è molto cresciuto, pertanto rendere quel tratto di strada sicuro e ben illuminato non era più rimandabile. Quest’opera agevolerà anche gli studenti fuori sede residenti al Collegio Cattaneo, sito in via Dunant, che potranno anche nel tardo pomeriggio o alla sera sentirsi più vicini alla città utilizzando i mezzi pubblici che li lasciano in viale Borri e poi percorrendo il tratto di strada di via Rossi. Ringraziamo il Comune per aver risolto una questione molto sentita dall’Ateneo e dai suoi studenti”.

“La realizzazione di quest’opera era urgente – prosegue Galimberti – e con l’avvio dei lavori risolveremo un problema giustamente segnalato da diversi anni dai cittadini e in particolare dall’Università dell’Insubria. Gli studenti ospiti del Campus potranno finalmente percorrere una strada sicura e ben illuminata. Insomma muoviamo i primi passi per una collaborazione che sarà sempre più strutturata e a tutto campo con l’Università che consideriamo una presenza fondamentale per la città. E la vivibilità, i servizi e la sicurezza di un’area frequentata da tanti studenti devono essere al centro della pianificazione e dell’azione amministrativa di una Varese che vuole essere davvero città universitaria. Inoltre, grazie a questo intervento, sostituiremo gli alberi malati presenti oggi lungo la via con piante sane che faranno guadagnare al quartiere nuovo verde in ottime condizioni”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti