Varese: nasce il comitato per il sì al referendum costituzionale

Superamento del bicameralismo paritario e contenimento dei costi della politica tra i principali punti sottolineati dai promotori

23 maggio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese
comitatosì

Si è tenuta lunedì mattina, in piazza Monte Grappa, la conferenza di presentazione del comitato varesino per il sì al referendum costituzionale previsto per il prossimo autunno. Presenti l’onorevole Daniele Marantelli, il sindaco di Casciago Andrea Zanotti, il segretario generale di Aime Gianni Lucchina e il vicepresidente della stessa associazione Giancarlo Pignone, in rappresentanza di un folto gruppo di promotori, assolutamente aperto a nuovi contributi, nel quale si annoverano rappresentanti dei più diversi mondi professionali.

«Il nostro intento è far conoscere i contenuti della riforma in un territorio, come quello varesino, dove questi cambiamenti erano attesi da anni» esordisce Marantelli, che rimarca come «la nuova legge non vada ad intaccare la prima parte della Costituzione, la più bella e la più solida al mondo», puntando unicamente «a rendere più adeguata ai tempi la seconda. D’altronde già in Assemblea Costituente ci fu un lungo dibattito sul ruolo del Senato e lo stesso Umberto Terracini, in un suo libro, auspicò il superamento del bicameralismo paritario».

Il deputato del Partito democratico annovera proprio il superamento del bicameralismo perfetto come il principale punto a favore della riforma e dunque del sì al referendum: al suo fianco, il Senato perde gli attuali 315 senatori in favore di 100 rappresentanti di cui 95 di nomina dei territori e 5 su mandato presidenziale. Inoltre, vengono previste la definitiva abolizione delle Province e del Cnel, «a conferma di una drastica riduzione dei costi della politica» ribadiscono i promotori. Altro punto evidenziato da Lucchina, Zanotti, Pignone e Marantelli è quello relativo «alle competenze concorrenti tra Stato e Regioni, che nel più dei casi hanno creato confusione. Grazie alla riforma, invece, si delineeranno con maggiore chiarezza le materie che spettano alle Regioni e quelle che spettano allo Stato».

Il parlamentare varesino chiude con un accenno sulla recente polemica tra i promotori del sì e l’Anpi: «Noi rispetteremo e dialogheremo con tutti, perché si parla della casa comune, ovvero della nostra Costituzione. Al tempo stesso, però, non credo affatto che votare sì significhi tradire quei valori di pace, uguaglianza e solidarietà ben saldi nei nostri princìpi e nella prima parte della Carta».

 

Tag:

Leggi anche:

  • “Merende sotto l’albero”: le Piscine Manara festeggiano il Natale

    Le Piscine Manara si preparano in grande stile all’arrivo delle festività natalizie. Infatti, domenica 11 dicembre, Sport Management, la società che gestisce il Centro Natatorio, in collaborazione con Royal Time, organizzerà un evento all’insegna dello sport e del divertimento per
  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale