Varese: nasce il comitato per il sì al referendum costituzionale

Superamento del bicameralismo paritario e contenimento dei costi della politica tra i principali punti sottolineati dai promotori

23 maggio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese
comitatosì

Si è tenuta lunedì mattina, in piazza Monte Grappa, la conferenza di presentazione del comitato varesino per il sì al referendum costituzionale previsto per il prossimo autunno. Presenti l’onorevole Daniele Marantelli, il sindaco di Casciago Andrea Zanotti, il segretario generale di Aime Gianni Lucchina e il vicepresidente della stessa associazione Giancarlo Pignone, in rappresentanza di un folto gruppo di promotori, assolutamente aperto a nuovi contributi, nel quale si annoverano rappresentanti dei più diversi mondi professionali.

«Il nostro intento è far conoscere i contenuti della riforma in un territorio, come quello varesino, dove questi cambiamenti erano attesi da anni» esordisce Marantelli, che rimarca come «la nuova legge non vada ad intaccare la prima parte della Costituzione, la più bella e la più solida al mondo», puntando unicamente «a rendere più adeguata ai tempi la seconda. D’altronde già in Assemblea Costituente ci fu un lungo dibattito sul ruolo del Senato e lo stesso Umberto Terracini, in un suo libro, auspicò il superamento del bicameralismo paritario».

Il deputato del Partito democratico annovera proprio il superamento del bicameralismo perfetto come il principale punto a favore della riforma e dunque del sì al referendum: al suo fianco, il Senato perde gli attuali 315 senatori in favore di 100 rappresentanti di cui 95 di nomina dei territori e 5 su mandato presidenziale. Inoltre, vengono previste la definitiva abolizione delle Province e del Cnel, «a conferma di una drastica riduzione dei costi della politica» ribadiscono i promotori. Altro punto evidenziato da Lucchina, Zanotti, Pignone e Marantelli è quello relativo «alle competenze concorrenti tra Stato e Regioni, che nel più dei casi hanno creato confusione. Grazie alla riforma, invece, si delineeranno con maggiore chiarezza le materie che spettano alle Regioni e quelle che spettano allo Stato».

Il parlamentare varesino chiude con un accenno sulla recente polemica tra i promotori del sì e l’Anpi: «Noi rispetteremo e dialogheremo con tutti, perché si parla della casa comune, ovvero della nostra Costituzione. Al tempo stesso, però, non credo affatto che votare sì significhi tradire quei valori di pace, uguaglianza e solidarietà ben saldi nei nostri princìpi e nella prima parte della Carta».

 

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare