Varese, Il fuoco di Jeanne

Mercoledì 25 marzo alle 18.00 alla biblioteca dell'Istituto Anna Frank la presentazione del libro di Marta Morazzoni

23 marzo 2015
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
Il_fuoco_di_Jeanne

Marta Morazzoni, autrice di molti libri di successo, presenterà il suo ultimo romanzo che ha come protagonista Giovanna d’Arco. Ingresso libero e gratuito.

La trama

Nata a Domremy o a Parigi? Morta sul rogo nel 1431 o nel suo letto nel 1450? Pastora o principessa, santa o indemoniata? La vicenda di Jeanne d’Arc è un gioco di specchi, in cui ognuno può vedere ciò che vuole: la guerriera che spezzò l’assedio di Orléans; la contadina inviata da Dio a spianare a Carlo di Valois la strada verso il trono; la pazza di cui la Chiesa seppe neutralizzare le pericolose visioni; la martire bruciata dagli inglesi; la bastarda reale manovrata come una pedina dalla corte di Francia nell’epoca cupa della guerra dei cent’anni. Sono tanti i volti di Jeanne, forse troppi: è per questo che il tempo ha fatto di lei un archetipo femminile, in bilico tra identità e stereotipi, tra dovere e passione. Sottraendole, però, la sua umanità e schiacciandola sull’immagine suggestiva ma sterile dell’eroina che “precedeva le fiamme cavalcando”. Sulle tracce di una comprensione non meno epica, ma più profonda, della vita e della leggenda di Jeanne si pone Marta Morazzoni, con questa vivida ricostruzione che è anche la storia di una ricerca personale, quasi intima. Dalla corte di Chinon all’esilio di Jaulny, da una Loira sfolgorante a una tempestosa Rouen, l’autrice e il suo personaggio sembrano procedere affiancate in una narrazione che unisce il fascino del racconto storico e la passione dell’indagine, componendo il romanzo moderno di una vicenda senza tempo.

Per informazioni: biblioannafrank@libero.it

Tag:

Leggi anche:

  • Varese, Dal Pollino a Milano con il cappotto del nonno

    Arrivato a Milano nel febbraio del 1968, costretto all’emigrazione all’età di 21 anni, Giuseppe Gagliardi, è testimone di due epoche che nel breve volgere di cinquant’anni hanno cambiato radicalmente il volto dell’Italia. La natia Viggianello, alla quale dedica intense