Varese, H2O Cibo per l’anima

L’inaugurazione si terrà il 13 giugno alle 18.00 allo Spazio Lavit

12 giugno 2015
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
h2o cibo per l'anima

Mostra personale della fotografa Floriana Bolognese, organizzata dallo Spazio Lavit, in collaborazione con l’Associazione Culturale Parentesi, sarà visitabile fino al 4 luglio.


I più incredibili ritratti di un unico elemento naturale raccolti in una mostra fotografica.
La tipologia di stampa, su carta cotone fine art e su tela quadro, lascia emergere l’alta definizione delle immagini e la ricerca accurata dei dettagli.
Scrive Laura Orlandi : “L’acqua è l’elemento naturale che Floriana indaga, che rivisita ogni giorno, che ritrova sempre nuovo. Suggeritore silenzioso di storie meravigliose. Camminando nel verde – dalla nostra provincia alle valli ossolane – fermandosi ogni tanto, dove l’energia si fa più forte, senza la volontarietà del gesto, quasi di risposta ad un richiamo. Gli scatti di Floriana nascono privi di premeditazione e regalano un universo di letture, un macrocosmo fantastico che concede al fruitore di immergersi ritrovando volti, figure volteggianti, animali… Una passione incredibile porta l’autrice a misurarsi da molti anni con la natura e con l’acqua in particolare, fonte inesauribile di vita, metafora dell’eterno rifiorire e del continuo rinascere.”
La mostra è aperta fino al 4 luglio 2015.

Floriana Bolognese nasce a Cantello (VA), il 28 Aprile 1960. Affronta una carriera scolastica prettamente artistica e si inserisce, subito dopo il diploma, nel 1978 nel mondo del lavoro, occupandosi di fotografia e stampa anche nelle vesti di insegnante. Nonostante la tecnica della fotografia si sia evoluta, sviluppata e quasi piegata davanti alla possibilità di essere trasformata per mezzo della digitalizzazione, Floriana non ha lasciato che la “meccanicità” prendesse il sopravvento e si occupa, sia nel lavoro che nella vita, di curare le immagini, dando loro la possibilità di valorizzarsi con l’intervento computerizzato, ma mai perdendo di vista l’originalità dello scatto. Con questa dedizione si concentra sul lavoro, dove si occupa principalmente di moda e pubblicità; con la stessa dedizione si prende cura dei suoi scatti personali che ormai disegnano un lungo percorso e un accurato studio affrontato negli ultimi 10 anni. Le sue immagini fanno parte di collezioni private e la loro originalità, nel 2013, valsero a Floriana l’ingresso nel Circolo Degli Artisti di Varese.
Floriana Bolognese “H2O CIBO per L’ANIMA”.
Orari: da martedì a sabato dalle 17 alle 19.30

Per informazioni: www.spaziolavit.com –  info@spaziolavit.com 0332312801- comunicazione@spaziolavit.com 3661892925

Tag:

Leggi anche:

  • Varese Festival, la prima edizione dove si intrecciano giornalismo, cinema, letteratura e scienza

    Il Festival si vuole caratterizzare per il dialogo fra arti diverse, facendo interagire esponenti del giornalismo, del cinema, della letteratura e della scienza. VareseFestival nasce dal desiderio di radicare a Varese un Festival dalla forte vocazione culturale, con celebrità nazionali e
  • DIARIO VAGABONDO – frammenti d’ali e insolenza

    Appuntamento per venerdì 31 marzo alle ore 21:00 presso lo Spazio Lavit a Varese in Via Uberti 42. L’evento, pubblicizzato su Facebook annuncia l’atteso ritorno de La Varese Nascosta. Il gruppo nato inizialmente con una pagina Facebook, trasformatosi poi in una piccola
  • Varese, Caravaggio pittura e luce

    L’Associazione Culturale Parentesi ha organizzato una serata per scoprire l’arte di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio. Allo Spazio Lavit di Varese, il 26 maggio alle 21, Laura Orlandi (storico dell’arte e giornalista) parlerà del grande maestro attraverso la proiezione di una serie di
  • Varese, Leonardo da Vinci: la pittura e il genio

    “Fra le scienze la pittura «è la prima; questa non s’insegna a chi natura nol concede, come fan le matematiche…. «Questa non si copia, come si fa le lettere […] questa non s’impronta, come si fa la scultura […] questa non fa infiniti figliuoli come fa i libri