Varese, Giardino della Memoria: rinviata la decisione

Giovedì 12 marzo nel corso dell'ultima seduta del Consiglio Comunale si sarebbe dovuto parlare della richiesta avanzata dagli esponenti del PD Giampiero Infortuna ed Emilio Corbetta

16 marzo 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Giampieroinfortuna

L’ordine del giorno prevedeva la discussione della mozione con quale si chiedeva di onorare la memoria di quanti si opposero alla dittatura nazifascista, ma il Sindaco Attilio Fontana ha preferito rimandare la votazione.

Nella seduta del Consiglio Comunale, tra gli ordini del giorno, era prevista la discussione e la votazione di una mozione a firma degli esponenti del PD Giampiero Infortuna ed Emilio Corbetta, che prevede: la valorizzazione del monumento alla Resistenza varesina, attraverso la riqualificazione di largo della Resistenza; la realizzazione di un Giardino della Memoria all’interno di Parco Estense; una rivalutazione delle testimonianze della Resistenza presenti in città; la realizzazione di un adeguato materiale informativo e documentario; l’organizzazione di una manifestazione cittadina annuale, definibile come Festa della Resistenza, in collaborazione con le associazioni sportive e culturali.

“Tale mozione – dichiara Infortuna – è estremamente significativa, attuale e concreta e si traduce in una serie di richieste che, pur investendo molteplici aspetti e materie di diretta competenza comunale (come la cultura, lo sport, la viabilità, l’ educazione alla cittadinanza) ha come denominatore comune i valori racchiusi nella nostra Costituzione. Valori di pari dignità sociale, di libera manifestazione del pensiero e principi di democrazia e civismo per cui migliaia di italiani, tra cui molti varesini, hanno dato la vita. Noi, in qualità di amministratori locali, abbiamo l’onore e il dovere di custodire e tramandare alle future generazioni l’importanza di questi precetti.”

Il Sindaco Fontana, intervenuto nel dibattito, ha dichiarato la piena condivisione delle premesse esposte da Infortuna. Nonostante ciò, ha preferito chiedere un rinvio della votazione, a data da destinarsi, per entrare maggiormente nel dettaglio di quanto espresso dal testo o, in caso contrario, sarebbe stato costretto a votare contrariamente.

“Per le ragioni sopra esposte – ha commentato Infortuna – il nostro interesse è certamente quello di far sì che la mozione ottenga il consenso necessario per la sua approvazione, nell’interesse e nel rispetto della città. Per questo, abbiamo accolto favorevolmente la richiesta del Sindaco. Mi permetto però di sottolineare, conclude il Consigliere, che la mozione è stata presentata più di 6 mesi fa (il 2 Settembre 2014). Chiediamo quindi da subito al Sindaco un incontro che, in tempi certi e brevi, definisca la questione e permetta così a questa Amministrazione e alla città di riconoscersi nella finalità della nostra proposta, evitando così di dare adito a interpretazioni di un Suo rifiuto preconcetto.”

Tag:

Leggi anche:

  • Smog, Fontana e Cattaneo: “ai divieti preferiamo il sistema degli incentivi”

    La qualità dell’aria in Lombardia continua a migliorare, grazie anche agli incentivi che l’amministrazione regionale stanzia ogni anno. Questo, in sintesi, quanto emerso dal ‘Tavolo aria’ in Regione e illustrato in conferenza stampa dall’assessore all’Ambiente
  • Fontana a Malpensa “Crediamo molto in questo scalo”

    “Abbiamo confermato la nostra volontà di collaborare su tutte le partite che ci possono vedere coinvolti. Per quanto riguarda i collegamenti è già cominciata l’interlocuzione con Trenord e Ferrovienord. Una migliore accessibilità consentirà, infatti, di rendere ancora più
  • Attilio Fontana in tour per Malpensa

    Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana nel pomeriggio di lunedì 23 luglio, dalle ore 16:00, effettuerà il primo sopralluogo ufficiale presso l’aeroporto di Milano Malpensa. Al suo fianco saranno presenti anche residente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca e Innovazione,
  • Trenord e Trenitalia, divorzio in arrivo tra le due società di trasporto

    Entro fine anno sarà perfezionata la ripartizione di Trenord in due diverse imprese, una controllata da Trenitalia e una di diretta competenza di Regione Lombardia attraverso Fnm. Attualmente Trenord (che gestisce tutto il trasporto locale ferroviario) è partecipata al 50% da Ferrovie Nord Milano