Varese: fondi governativi per ristrutturare il campo da rugby

Il progetto relativo al centro Aldo Levi viene finanziato da Roma

13 ottobre 2016
Guarda anche: SportVarese Città
rugby,jpg

“Abbiamo appreso con grande soddisfazione che anche un importante impianto sportivo della città di Varese, il campo da rugby di Giubiano, è stato inserito tra gli interventi di riqualificazione che si potranno realizzare grazie ai fondi stanziati dal Governo all’interno del bando: Fondo Sport e Periferie”. Così Davide Galimberti, sindaco di Varese, ha commentato la notizia giunta da Roma in merito al bando per la riqualificazione dedicato agli impianti sportivi italiani.

“Questa notizia rappresenta la conferma dell’attenzione del Governo per la città di Varese – prosegue Galimberti -. Ringrazio in particolare il Presidente del Consiglio Renzi, il sottosegretario alla Presidenza, Luca Lotti (che insieme si occupano per la presidenza del Consiglio dello sport ) ed il Coni per aver colto le potenzialità che Varese può esprimere attraverso lo sport. Una parte della storia della nostra città, infatti è legata alla nostra grande tradizione sportiva e sono sicuro che grazie allo sport si potranno aprire anche molte opportunità di sviluppo. Questa è la conferma che oggi l’unico modo di effettuare investimenti importanti è la partecipazione ai bandi attraverso i quali vengono stanziati importanti finanziamenti da varie istituzioni”.

Anche l’assessore allo Sport Dino De Simone ha voluto esprimere la propria soddisfazione alla notizia: “Questo finanziamento per un progetto di oltre 500mila euro consentirà di mettere a nuovo una struttura che da anni aspettava interventi di ammodernamento. Si tratta di un intervento importante per la città, relativo ad uno sport in costante crescita e che vede il coinvolgimento di centinaia e centinaia di ragazzi di tutta la provincia. Ma la riqualificazione dell’impianto che per le sue caratteristiche ha una valenza più allargata rispetto al bacino degli utenti, trattandosi di struttura che soddisfa utenti provenienti da diversi comuni, rappresenta anche un’ottima notizia per l’intero quartiere di Giubiano che vedrà migliorata un’area del proprio territorio. Inoltre si aprono tante possibilità per i residenti e i cittadini per usufruire di un impianto sportivo riammodernato. Il titolo del bando infatti era Sport e Periferie, in questo senso credo che la sistemazione dell’impianto avrà un valore duplice: sportivo ma anche di un primo intervento di riqualificazione per il quartiere”.

Ora parte la fase realizzativa ovvero la stipula di idonea convenzione tra Coni, Comune e la Società concessionaria della struttura sportiva conformemente alle vigenti disposizioni legislative e linee guida stabilite dall’ANAC volte ad esempio a garantire la massima trasparenza e celerità per l’esecuzione dei lavori.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio