Varese: firmato il protocollo d’intesa per la cittadella del rugby

La struttura di via Salvore si espande: stamattina le ultime firme

29 ottobre 2015
Guarda anche: SportVarese
rugby

E’ stato firmato questa mattina il Protocollo di intesa tra il Comune e Asd Rugby Varese per la riqualificazione delle aree di gioco di via Salvore.

Sono intervenuti il sindaco Attilio Fontana e il presidente dell’ Associazione Sportiva Rugby Varese Stefano Malerba, con il vicesindaco Mauro Morello, l’assessore allo Sport Maria Ida Piazza e l’assessore al Bilancio Giuseppe Montalbetti.
Il progetto complessivo, che comprende come opere principali la riqualificazione dei campi di gioco, della palestra e di una club house e la copertura della tribuna, ha un costo di circa 600 mila euro, di cui 150 mila a carico del Comune.

«Benvenuti agli amici del rugby – ha detto il sindaco – : con questa convenzione si dà una casa definitiva e completa al rugby, ai tanti giovani che guardano a questo sport come riferimento. Grazie al presidente e gli uffici tecnici: è stata trovata una giusta soluzione alle esigenze». Il sindaco ha anche indicato l’associazione come un esempio. «Il rugby conta sull’autofinanziamento, con feste, iniziative e gadget: questa è la strada cui dovrebbero guardare anche gli altri sport».
«Sono molto contento – ha aggiunto il presidente Malerba -, dopo aver valutato tante soluzioni abbiamo trovato un buon compromesso. Negli ultimi cinque anni abbiamo collaborato con l’amministrazione comunale. Gli atleti sono tutti di Varese: siamo passati da 190 tesserati di sei anni fa ai 400 del 2015 in tutte le categorie. Ci sosteniamo per l’80 per cento con l’autofinanziamento: l’anno prossimo compiano 40 anni, e il conto corrente non è mai andato in rosso nella nostra storia».
Il vicesindaco Morello ha proprio sottolineato lo sviluppo «del rugby a Varese: il trend è in crescita. Il Comune appoggia il progetto presentato ed espresso dalla stessa società, e guarda ad altri step strategici per lo sport, come il campo di atletica a Calcinate degli Origoni e gli sport d’acqua alla Schiranna».
Al protocollo d’intesa seguirà la firma della convenzione, il prossimo 28 febbraio.
«I ragazzi stanno già lavorando a Giubiano compatibilmente con il tempo e le risorse – ha aggiunto il presidente -: credo che la sistemazione della palestra e della club house possa essere terminata nei primi mesi del 2016, mentre in autunno si procederà con i campi. Per ultima la copertura».
«Il rugby svolge anche un’importante funzione sociale – ha aggiunto l’assessore Piazza -: il protocollo di oggi è un fatto concreto, la soluzione migliore per tutti».
Nel protocollo si fa riferimento anche alla sistemazione del parcheggio pubblico, incrementandone i posti anche a favore degli utenti del cimitero di Giubiano: l’Asd ha recepito “nel proprio studio urbanistico anche un’ipotesi di diversa collocazione degli esistenti parcheggi pubblici e si è impegnata a proseguire nella progettazione”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti