Varese calcio: Sogliano molla, strada in salita

Nella serata di domenica la decisione dell'uomo-mercato che avrebbe condotto la gestione sportiva; situazione difficilissima e tempi ristretti

26 luglio 2015
Guarda anche: AperturaSportVarese
varese calcio

Nei giorni scorsi, i lunghi colloqui a Palazzo Estense sembravano aver prodotti frutti benauguranti per il futuro del Varese calcio: chiusi i conti con la società impossibilitata ad iscriversi in Lega Pro, Paolo Sudanti e Salvo Zangari sembravano ad un passo dal diventare gli uomini forti della nuova società, che si sarebbe iscritta al campionato di serie D affidando la parte sportiva indirettamente a Ricky Sogliano (figura fondamentale in questi passaggi) e basandosi anche sul contributo di altri imprenditori (Orrigoni, Fontana, Milanese, Maccecchini).
Nel giro di poche ore, tuttavia, tutto sembra essersi rotto: Zangari si è tirato indietro sabato, non accettando un ruolo di minoranza nella futura società. Ancora più scioccante il dietrofront di Sogliano, avvenuto nella serata di domenica: come riporta prealpina.it, uno dei simboli del calcio biancorosso parla di una “situazione inaccettabile” e si va dunque parte; contestualmente, l’avvocato di Sudanti fa sapere che la trattativa del suo assistito per la nascita del nuovo sodalizio è da considerarsi congelata.
La situazione sembra dunque estremamente complicata: entro il 3 agosto andrà perfezionata l’iscrizione al campionato di serie D, ma in queste ore, nonostante i contatti proseguano in continuazione, non prevale certo l’ottimismo. Senza dimenticarsi che arrivare sul “gong” dell’ultima scadenza comporterebbe comunque tempi ristrettissimi per la scelta dello staff tecnico e dei giocatori, che inizierebbero ad allenarsi molto tardi: basti pensare che la Varesina (club di Venegono Superiore e Castiglione Olona, neopromosso in serie D) inizierà la preparazione atletica già nella giornata di domani.

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad