Varese Calcio, furto sull’auto del collaboratore di Dionigi

Nella mattinata di lunedì è stato rotto un finestrino dell’auto del collaboratore tecnico Hiroshi Komatsuzaki è stato rotto e dalla vettura è stato rubato il computer utilizzato per gli allenamenti della squadra

02 marzo 2015
Guarda anche: SportVarese Città
2015-03-02 18.44.42

Hanno rotto il finestrino e rubato il computer utilizzato per i filmati degli allenamenti. Un inizio decisamente poco invitante per il neo allenatore del Varese Davide Dionigi. 

Al termine dell’allenamento della squadra di lunedì 2 marzo, prima di partire per Cittadella,  dove domani i biancorossi affronteranno la delicata partita, è accaduto il fatto spiacevole. Un finestrino dell’auto del collaboratore tecnico Hiroshi Komatsuzaki è stato rotto e dalla vettura è stato rubato il computer utilizzato per la squadra.  È stata sporta denuncia ai Carabinieri e la partenza rimandata.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Comune di Varese sostiene lo sport e il Varese Calcio

    “Questa sera abbiamo approvato in Giunta la delibera in merito allo Stadio comunale Franco Ossola per la stagione sportiva 2018/2019. L’atto di indirizzo varato contiene in sostanza una forte apertura dell’amministrazione tesa a supportare lo sport e il calcio varesino e quindi si
  • Varese, furto in via Del Cairo da Gucci

    Nell’occhio del mirino del rapinatore c’era il negozio Gucci di Via Del Cairo, nel centro di Varese: tra i marchi più famosi del Made in Italy, nel negozio che ha aperto da qualche anno nel cuore della città c’è stato un tentativo di furto, finito male per il rapinatore,  nel pomeriggio
  • Busto Arsizio, denunciate due donne romene per furto

    Due donne di nazionalità romena sono state bloccate e denunciate dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio subito dopo aver commesso una serie di furti con destrezza nei negozi del centro. Lo “shopping” delle due, rispettivamente di 24 e18 anni e con domicilio
  • La trappola sessuale è finita: in manette tre nordafricani

    Una ragazza di 17 anni, italiana, veniva usata come esca: il suo compito era quello di sedurre uomini soli nei locali e cercare di convincerli ad appartarsi con lei. Una volta portata la vittima in un luogo isolato e lontano dagli occhi della gente, ecco che entravano in gioco i tre nordafricani: