Varese, Binelli: “L’aumento dei biglietti degli autobus è colpa del governo Renzi”

L'assessore ai Trasporti del Comune di Varese replica al consigliere comunale del Pd Andrea Civati, che accusava la giunta sui rincari del trasporto pubblico

07 marzo 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Binelli

Quando si parla di trasporto pubblico locale a Varese, raramente escono commenti documentati. Finché le considerazioni vengono da non addetti ai lavori, ciò può essere comprensibile, ma l’ignoranza in soggetti istituzionali non può essere tollerata.
Un esempio tipico di non conoscenza dei fatti (o di distorsione propagandistica) è costituito dalle esternazioni del consigliere del Partito Democratico Andrea Civati, il quale sostiene che la colpa degli aumenti tariffari applicati dal 1 marzo, è da imputare a Comune e Regione Lombardia e non al governo Renzi.

Giova ricordare alcuni dati.
Innanzitutto va precisato che il servizio di trasporto pubblico è pagato per il 40% dagli utenti e per il 60% da bilanci pubblici (e quindi attraverso la tassazione generale viene pagato da tutti i cittadini). A Varese, nel 2014 le tariffe hanno generato introiti per € 3.451.260, mentre i contributi pubblici ammontavano a € 5.353.580.

Il 2007 è stato il primo anno in cui Varese ha dato piena applicazione alla gestione di trasporto attraverso appaltatori privati, come imposto dalla cosiddetta Legge Bersani.
Il costo annuo del servizio a acrico degli enti pubblici era di 4.406.740 €; di questi 210.409 venivano dallo Stato centrale e mentre 4.154.314 € venivano da Regione Lombardia, che peraltro a sua volta riceveva i fondi dal Fondo Nazionale Trasporti di gestione governativa. La quota residua di 42.017 € era a carico del Comune.

Nel 2014, il costo del servizio di trasporto pubblico di Varese sui bilanci pubblici è stato di 5.353.580, con un aumento del 21,5% rispetto al 2007, in linea con la variazione dell’indice dei prezzi al consumo per il settore trasporti (+21,83%).
Radicalmente mutati invece i soggetti pagatori: lo Stato non contribuisce più, la Regione Lombardia ha aumentato il proprio apporto a 4.363.238 (+5%), ma gran parte dell’aumento di costo si è scaricato sul Comune di Varese, che oggi contribuisce per 990.342 (+2257%) a sostenere il servizio.

Ormai l’impegno del Comune di Varese per mantenere il servizio di trasporto pubblico, malgrado le tariffe siano state aumentate, ammonta a quasi un milione di euro, il che, nelle condizioni di strangolamento dei Comuni da parte del governo centrale in cui ci troviamo, denota un grande sforzo per mantenere un servizio molto complesso e difficile per la caratteristiche di Varese, città ad urbanizzazione diffusa ed orograficamente impegnativa.

Con la nuova legge di stabilità 2015, il governo Renzi ha ulteriormente ridimensionato il Fondo Nazionale Trasporti, con un taglio sulla Regione Lombardia di 155 milioni di €. Solo la grande importanza attribuita dalla maggioranza di Lega-Centrodestra al Trasporto Pubblico Lombardo ha indotto Regione Lombardia a destinare risorse proprie (circa 105 milioni) per attenuare il taglio di risorse ai trasporti agli enti locali.
Grazie a Regione Lombardia, le risorse tagliate al Comune di Varese per il trasporto pubblico sono solo di 130.000 €, mentre se fosse dipeso dalle scelte del governo Renzi, il taglio sarebbe stato almeno triplo, cioè circa 300.000 euro e sarebbe stato impossibile mantenere il servizio come i Varesini lo conoscono.
La cosa grottesca in tutto questo è che almeno 530.000 € il Comune di Varese li paga a titolo di IVA. Ciò significa che 530.000 € di TASI o IMU versati dai cittadini di Varese per la loro città vengono girati al governo di Roma.
Da quest’anno, con l’invenzione renziana dello “split payment”, questi soldi non verranno più versati al gestore del servizio, ma direttamente a Roma, rendendo ancor più evidente questa vessazione: i Varesini pagano le tasse al Comune che paga le tasse allo Stato Italiano, quasi che il Comune non fosse parte dello Stato Italiano.
A questo punto verrebbe da dire: magari non lo fosse!

Fabio Binelli
Assessore al Trasporto Pubblico Comune di Varese

Tag:

Leggi anche:

  • Confronto fra candidati del Pd a Besnate

    Si è tenuto ieri a Besnate, il confronto fra diversi candidati del Pd alle elezioni regionali. L’evento è stato aperto dalla segretaria del Pd di Besnate Daniela Osculati; presenti il capolista Samuele Astuti, che ha parlato di lavoro e trasporti; Margherita Silvestrini, intervenuta sul tema
  • Candiani (Lega): “Istituiremo la Zona Economica Speciale nelle aree di confine. Il PD non la farà mai”

    Così il Senatore della Lega, Stefano Candiani, che nella serata di ieri ha incontrato tutti i Sindaci dei Comuni di frontiera, del Luinese, della Valcuvia e della Valtravaglia. “Ho ribadito agli amministratori come il nostro obiettivo, una volta al Governo, sia quello di approvare una legge che
  • Lombardia, Martina: “Gori può vincere. Fontana snobba i confronti per paura”

    “Io penso che Giorgio Gori possa vincere la sfida delle prossime elezioni regionali e diventare il nuovo presidente della Regione. La destra qui sta avendo un atteggiamento arrogante verso tutti i cittadini. Nascondono il più possibile il loro candidato, non hanno un programma condiviso e
  • Varese, in arrivo 4 nuovi parcheggi

    Al progetto della sosta si unisce un nuovo provvedimento deliberato dalla giunta comunale: in quattro zone di Varese saranno costruite prossimamente delle nuove aree dedicate alla sosta. L’assessore Andrea Civati spiega il progetto, che avrà luogo nelle zone si Sant’Ambrogio, Cartabbia, Rasa e