Varese, arrivano i Volontari del Decoro. Non solo per vigilare, ma anche pulire

I gruppi di volontari potranno quindi intervenire direttamente, patrocinati dal Comune

02 dicembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Graffiti 3

I Volontari del Decoro vigileranno su Varese. Ma non si limiteranno a compiti dj controllo, dal momento che  potranno anche effettuare opere pulizia e ripristino di immobili o aree degradate. 

È questa la novità più significativa del nuovo regolamento del Decoro e dell’Igiene Urbana, approvato ieri mattina dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore all’Ambiente Riccardo Santinon.

I Gruppi dei Volontari del Decoro erano già stati istituiti nella precedente versione del regolamento. Tuttavia i loro poteri erano limitati.

“Prima erano previsti infatti solo ruolo di vigilanza – spiega Santinon – mentre con questo nuovo regolamento potranno intervenire, patrocinati dal Comune, ed eseguire operazioni di pulizia e ripristino del decoro. Le modalità andranno ancora definite, questo però è un primo importante passo verso la collaborazione tra istituzioni e cittadini per tenere pulita e salvaguardare la nostra città”.

Il testo del regolamento recita: “È istituito il “Gruppo Volontari del Decoro”. Il Gruppo, oltre alle funzioni di vigilanza, svolge le seguenti attività ritenute utili alla collettività comunale: cura, manutenzione e valorizzazione dei beni patrimoniali vandalizzati (arredo urbano e edifici di proprietà comunale); segnalazione di atti di vandalismo e di danneggiamento del patrimonio pubblico e in particolare di quello comunale”.

Un’altra novità rispetto al precedente regolamento riguarda la possibilità che il Comune riorganizzi i vani tecnologici dei servizi pubblici, ovvero le centraline di metallo, presenti in vari punti della città. L’idea è quella di mitigare questi impianti con interventi che li abbelliscano in linea con il decoro del centro, oppure che li rendano meno visibili.

Inoltre, cambiano anche le modalità attraverso le quali i privati che devono ripulire i muri danneggiati da atti di vandalismo possono richiedere i contributi comunali.

“I proprietari e/o i legali rappresentanti che intendono accedere ai contributi di cui al comma 2, devono presentare, nel periodo compreso tra il 1° maggio e il 31 luglio dell’anno solare successivo a quello oggetto dell’accertamento a bilancio, specifica domanda redatta su modello predisposto dall’Area XI Tutela Ambientale unitamente alla documentazione relativa alle spese sostenute” si legge. Nella precedente versione le richieste dovevano arrivare nel periodo tra febbraio e marzo.

Tag:

Leggi anche:

  • Santinon rifiuta l’offerta del Sindaco per Natale dopo la “boiata della tassa di soggiorno ai turisti”

    Gentile Sindaco, Grazie per il suo invito, ma declino cordialmente. Mercoledì scorso avevo un barlume di speranza, l’incendio mi aveva ammorbidito nell’animo. Tant’è che quando ci siamo incontrati in Piazzale Pogliaghi, con fare sornione, chiedendomi con frasi di rito, se andava tutto bene,
  • Busto Arsizio, sabato 9 settembre la Marcia degli Italiani

    Nel pomeriggio di sabato 9 settembre Forza Nuova Provincia di Varese terrà un corteo a Busto Arsizio, ritrovo Piazzale dei Bersaglieri ore 17. Una manifestazione vertente sulla contrarietà del Movimento all’approvazione parlamentare dello IUS SOLI. Russo Federico, responsabile provinciale,
  • A Busto Arsizio carabinieri in azione fra controlli e arresti

    E’ stato beccato urinare in strada, alla vista di numerosi passanti bambini compresi, si è visto inflitta una sanzione amministrativa di euro 3.300, come da nuova formulazione del reato di atti contrari alla pubblica decenza: continua l’azione di prevenzione della Compagnia Carabinieri
  • Varese ai Varesini: Biumo per una sera torna italiano

    Degrado, imbrattamenti, abbandono di rifiuti, criminalità, molestie, furti alle abitazioni come alle attività commerciali, spaccio di droga, immigrazione imposta e incontrollata sono piaghe, costanti che affliggono sempre più insistentemente la città di Varese, il tutto accompagnato da una più