Varese: aperto il centro “Nuova Brunella” per le disabilità e la famiglia

Da stamattina è operativi la realtà gestita da Fondazione Renato Piatti Onlus

25 settembre 2015
Guarda anche: Varese
Foto inaugurazione Nuova Brunella

Foto inaugurazione Nuova Brunella

Fondazione Renato Piatti onlus ha inaugurato questa mattina “La Nuova Brunella – Centro Multiservizi per le Disabilità e la Famiglia”. Nel cuore di Varese, in via Francesco Crispi n.4, dove una volta c’era l’ex convento dei Frati Francescani, da oggi è operativa una nuova struttura nella quale ci si prenderà cura dei crescenti bisogni delle persone con disabilità e di molte famiglie che vivono una condizione di fragilità.

La Nuova Brunella – Persona, Famiglia, Disabilità al Centro – occupa in totale una superficie di 4.000 metri quadrati. Lo stabile si sviluppa su cinque livelli ognuno dei quali identificato da un preciso colore.

• Livello 1 – Verde acido – ospita il Centro riabilitativo per l’infanzia e l’adolescenza dedicato ai percorsi riabilitativi per bambini ai quali è stato diagnosticato l’autismo o un disturbo pervasivo dello sviluppo. Nella fase iniziale la Fondazione Renato Piatti onlus si occuperà di circa 30 bambini.
• Livello 2 – Giallo – è riservato al Punto Unico di Accoglienza, al di là del quale si sviluppa, sullo stesso livello, il Centro residenziale per giovani e adulti – color Pesca – una comunità alloggio per ospitare fino a 10 persone con disabilità intellettive e relazionali che hanno, però, una buona autonomia. E’ una vera e propria casa, in cui le persone hanno l’opportunità di vivere in modo indipendente ma, nello stesso tempo, protette pur non abitando più nella loro abitazione d’origine. Un supporto importante anche per le famiglie e, in particolar modo, per i genitori che con l’avanzare dell’età fanno sempre più fatica a sostenere i propri cari con disabilità.
• Livello 3 – Blu – ospita, invece, le sedi sociali di Fondazione Renato Piatti onlus, Anffas Varese e Associazione Sportiva ASA Varese.
• Livello 4 – Arancio – è il piano dell’innovazione in cui ci si occupa della famiglia a 360°. Il Centro per la famiglia, in collaborazione con Asl Varese e Consultorio Fondazione Istituto La Casa, lavora per offrire interventi di sostegno mirati per famiglie con bambini nascituri, bambini, giovani, adulti e anziani in condizione di disabilità e altre forme di fragilità. Sullo stesso piano è presente anche il Centro Studi e Formazione dove si terranno corsi di formazione e aggiornamento rivolti agli operatori che nel quotidiano seguono le persone con disabilità e le loro famiglie.
• Livello 5 – Viola – è occupato dall’attuale consultorio familiare accreditato della Fondazione Istituto la Casa di Varese, che dal 1966 promuove servizi e attività di assistenza e cura per le famiglie in campo culturale, pedagogico, medico, psicologico, giuridico ed etico.

I lavori di ristrutturazione hanno interessato anche l’area esterna del vecchio convento dei frati francescani. Fondazione Renato Piatti si è, infatti, occupata anche della riqualificazione delle zone verdi e della realizzazione di un parcheggio interno per i propri ospiti che, senza alcuna barriera, potranno così essere agevolati nell’accesso alla struttura. Sono stati pensati anche cortili e giardini in cui gli ospiti della comunità alloggio potranno trascorrere momenti di svago, curare le piante e un domani seminare e coltivare anche un orto.
«Ora che “La Nuova Brunella – Centro multiservizi per le Disabilità e la Famiglia” è realtà – afferma Cesarina Del Vecchio, Presidente Fondazione Renato Piatti onlus – il mio pensiero va a coloro che nel futuro prossimo troveranno qui accoglienza e risposta ai loro bisogni: bambini, adulti, genitori, fratelli, sorelle, famiglie. Mi piace pensare che “La Nuova Brunella” diventerà un crocevia di esperienze, un catalizzatore di nuove opportunità e soprattutto il luogo dell’inclusione: più servizi, più persone, più vicinanza, più scambio. Non è solo un auspicio, è un obiettivo. A tutti coloro i quali ci sono stati vicino in questo importante momento, rivolgo il mio immenso grazie. Una vicinanza che ci dà lo slancio per impegnarci anche oltre, convinti che in questo luogo intriso di spirito di solidarietà potremo rinnovare la nostra missione e migliorare la qualità della vita delle persone più fragili e delle loro famiglie. Sperimentando, innovando laddove possibile, ma sempre animati dal principio che ci contraddistingue: la centralità della persona.»

L’intervento edilizio di ristrutturazione e realizzazione de La Nuova Brunella, anticipato dalla posa “virtuale” della prima pietra il 15 maggio del 2014, ha preso il via nel luglio 2014 e, nell’arco di un anno, è giunto a conclusione. L’operazione ha un costo complessivo di 3milioni e 500 mila euro. Fondamentale è stato l’apporto economico garantito dal Bando Emblematico di Fondazione Cariplo, con la somma di 1 milione e 200mila euro, così come quello dei partner di progetto – Anffas onlus di Varese e Fondazione Istituto La Casa di Varese onlus –, ai quali si è poi aggiunto il prezioso sostegno di numerosi cittadini, imprese e altre fondazioni che hanno donato un “mattone virtuale” per il lavori di riqualificazione. Da ricordare, infine, l’avallo e la condivisione fino dalle primissime fasi ideative assicurato da Regione Lombardia, Provincia di Varese e Comune di Varese, e da ASL Varese nello specifico dell’Area fragilità e del Centro per la Famiglia.

Le prossime tappe, che dipendono strettamente dai tempi indispensabili a completare i diversi iter autorizzativi e di avviamento, prevedono per fine 2015-inizio 2016 l’apertura del Centro residenziale per giovani e adulti e, per il primo semestre 2016, quella del Centro riabilitativo per l’infanzia e l’adolescenza. Entro la fine del 2016 è atteso l’avvio anche del Centro per la famiglia.

«Per attivare concretamente i servizi a La Nuova Brunella c’è ancora da lavorare – Ha detto Michele Imperiali, direttore generale di Fondazione Renato Piatti – Noi di Fondazione Piatti abbiamo chiari gli obiettivi e le aspettative, ed è nostra responsabilità andare avanti con la stessa determinazione ed efficienza che abbiamo messo in campo finora. La gestione caratteristica di tutte le nostre attività non verrà mai minimamente intaccata, quindi le risorse economiche dovranno arrivare dalla raccolta fondi: e qui tutta la comunità potrà darci nuovamente una mano, come è già avvenuto in questi anni.»

«È un vero piacere tenere a battesimo La Nuova Brunella, che nasce anche con il contributo di ASL: primo passo significativo di un percorso di presa in carico globale delle persone e delle loro famiglie in attuazione delle linee di indirizzo regionali.» – Ha dichiarato Paola Lattuada, Direttore Generale ASL Varese.

«Tornare in questo luogo dopo quasi quarant’anni vuol dire ricordare con riconoscenza tutte le persone che hanno lavorato per l’affermazione dei diritti dei nostri cari. – Ha affermato Paolo Bano Presidente ANFFAS Varese onlus – È il luogo dove le famiglie e le persone con disabilità sono protagoniste della propria vita e delle scelte della propria vita.»

«Il Consultorio Famigliare “La Casa di Varese”, recentemente ristrutturato, è pronto a riprendere le attività consultoriali e iniziare una nuova fase operante all’interno del Centro Multiservizi per la Disabilità e la Famiglia. – Afferma Carlo Negri, Presidente Fondazione Istituto La Casa di Varese onlus – Uniti da una grande stima reciproca, siamo felici e orgogliosi di questa opportunità di collaborare ed integrarci con gli altri partner del progetto e di ampliare il nostro orizzonte di aiuto e sostegno alla famiglia.»

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti