Università dell’Insubria: primi due laureati in apprendistato per il corso di Informatica

Matteo Tegnenti e Marco Compagnoni conseguono il prestigioso titolo

26 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
Laurea Magistrale Matteo e Marco

Laurea Magistrale Matteo e Marco

Matteo Tegnenti e Marco Compagnoni, entrambi ventiquattrenni di Varese, si trovano attualmente agli antipodi dell’Italia: uno è in Australia e l’altro è in Canada, ma entrambi sono partiti dall’Università degli Studi dell’Insubria e, in particolare, dal Corso di Laurea in Informatica.

Matteo e Marco, oltre a essere amici e colleghi di studi, sono i primi due laureati in apprendistato del Corso di Laurea magistrale in Informatica dell’Insubria: cioè, oltre al percorso classico accademico con lezioni frontali ed esami, hanno svolto un periodo, per l’appunto, di apprendistato in azienda, durante il biennio specialistico, prima di giungere al traguardo della laurea nello scorso mese di dicembre. Per entrambi l’azienda è la Elmec di Varese e il tutor aziendale Andrea Fiori.

Matteo Tegnenti con la sua tesi “Development of a system for controlled management of federated identity in OpenStack” – relatrice la professoressa Barbara Carminati – ha sviluppato un sistema per migliorare la gestione delle identità nei sistemi di federazione in ambiente cloud. Il tutto testato sulla piattaforma OpenStack. «Il progetto si basa appunto sulla definizione di una nuova tipologia di politica di sicurezza che permette di aumentare il dettaglio della gestione delle identità federate – spiega il dottor Tegnenti -. In azienda ho lavorato sulla creazione di un sistema di federazione, simulato grazie alle macchine virtuali messe a disposizione nei laboratori di Elmec e ho sviluppato un estensione della dashboard di controllo di OpenStack aggiungendo le funzionalità per la gestione delle identità federate».

Marco Compagnoni con la tesi “Verso la composizione automatica di applicazioni e servizi in OpenStack” – relatore il professor Alberto Trombetta – si è occupato dello studio e sviluppo di metodi per automatizzare alcuni processi nella piattaforma di cloud computing OpenStack, e, «in pratica di ridurre il carico di lavoro per i sistemisti che si occupano della gestione della stessa – chiarisce il dottor Compagnoni – . Ho lavorato nel reparto ricerca e sviluppo e ho studiato le alternative migliori per questo processo di automazione, progettando e sviluppando un sistema per renderlo possibile e infine ho condotto alcuni test relativi alle prestazioni e alla facilità di utilizzo dello strumento. Adesso mi trovo in Australia e ci rimarrò fino a luglio per studiare inglese. Successivamente – conclude Marco – conto di specializzarmi in un ramo dell’informatica chiamato Data Science».

«Il programma di laurea in apprendistato è cruciale per il nostro Corso di Laurea – spiega la professoressa Elena Ferrari, presidente del Cdl in Informatica – da un lato dimostra ancora una volta come siano utili le sinergie con il mondo aziendale e dall’altro come i nostri studenti magistrali siano apprezzati e valorizzati in un contesto di business. Per essere ammessi a questo programma bisogna essere al passo con gli esami e svolgere un colloquio in azienda». Info su: http://informatica.dista.uninsubria.it/.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti