Università dell’Insubria: Giurisprudenza al 4° posto a livello nazionale

Risultati brillanti dell'ateneo varesino nella guida del Censis

30 maggio 2016
Guarda anche: Varese
università dell'insubria

La didattica dell’Università degli Studi dell’Insubria registra risultati positivi nella graduatoria stilata dalla Grande Guida Università 2016-17 stilata da Censis Servizi per il quotidiano La Repubblica.

I risultati più brillanti – come ormai da qualche anno – si registrano per il per il Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture – DiDEC, erogato a Como e Varese, che raggiunge il 4° posto a livello nazionale, su 47 corsi analoghi, piazzandosi così prima tra le Università lombarde. Buona anche la performance per il Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Medicina e Chirurgia al 10° posto su 37 Corsi di laurea analoghi in tutta Italia.

Un altro primato lombardo per l’Università degli Studi dell’Insubria è quello relativo ai Corsi di Laurea triennali afferenti al Gruppo Scientifico: infatti i Corsi di laurea triennali in Matematica, Fisica e Informatica sono all’11° posto a livello nazionale sui 41 Corsi della stessa Classe e sono i primi per la Lombardia, seguiti dalla Statale di Milano al 12°.

Molto bene anche per le lauree afferenti al Gruppo Geo-Biologico, che per l’Insubria sono tre “Biotecnologie”, “Scienze Biologiche” e “Scienze dell’ambiente e della Natura”, con un 10° posto su 37 Atenei nella stessa classe.

Nel complesso anche gli altri risultati relativi alla didattica sono soddisfacenti, ma Grande Guida Università non lesina errori: infatti non contempla nella graduatoria il Corso di Scienze della Comunicazione e quello in Scienze del Turismo, mentre invece valuta (e pure bene 15° su 35) il Corso di laurea in Discipline Giuridiche, che invece è disattivato dal 2013.

Il piazzamento nella graduatoria relativa ai parametri “Servizi”, “Borse”, “Strutture”, “Web” e “Internazionalizzazione” – che vede l’Università degli Studi dell’Insubria all’8° posto su 11 Atenei “piccoli”- è condizionato dalla valutazione dell’indicatore “Borse”, con 72 punti su 110. Il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, Professor Alberto Coen Porisini, spiega: «Grande Guida Università prende in considerazione quanti studenti beneficiano di una borsa di studio, ma sarebbe più appropriato, invece, considerare quanti studenti idonei a ricevere la borsa di studio poi la ottengono realmente. All’Università degli Studi dell’Insubria, infatti, il 100 per 100 degli studenti idonei – sulla base dei requisiti fissati da norme nazionali – ottiene la borsa di studio. Abbiamo quindi abolito la figura dello studente idoneo non beneficiario, presente in molti altri Atenei».

Tag:

Leggi anche:

  • “Merende sotto l’albero”: le Piscine Manara festeggiano il Natale

    Le Piscine Manara si preparano in grande stile all’arrivo delle festività natalizie. Infatti, domenica 11 dicembre, Sport Management, la società che gestisce il Centro Natatorio, in collaborazione con Royal Time, organizzerà un evento all’insegna dello sport e del divertimento per
  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale