Università dell’Insubria: duecento studenti per “Biotecnologo cercasi”

Notevole successo di pubblico per l'iniziativa dello scorso 13 ottobre

15 ottobre 2015
Guarda anche: Varese
microscopio

Grande successo di pubblico per l’iniziativa “Biotecnologo cercasi” organizzata lo scorso 13 ottobre dall’Università degli Studi dell’Insubria, nell’ambito della Settimana Europea delle Biotecnologie (European Biotech Week, 12-18 ottobre 2015). Hanno preso parte all’evento oltre 200 ragazzi provenienti dalle scuole superiori di Varese e Provincia, insieme a giovani studenti universitari iscritti al neonato Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie dell’Università degli Studi dell’Insubria.

“Biotecnologo cercasi” ha rappresentato un’occasione per conoscere le Biotecnologie e tutte le opportunità di lavoro in ambito biotecnologico. Esperti provenienti dal mondo delle associazioni, dell’industria e dell’università hanno spiegato la situazione delle Biotecnologie e le prospettive dei giovani Biotecnologi in Italia, con una particolare attenzione al territorio locale, a forte vocazione biotecnologica.

Gli interventi hanno affrontato le “Biotecnologie” a 360 gradi: si è, infatti, partiti da una panoramica del mondo imprenditoriale biotech, illustrata dal Prof. Gabriele Fontana (Assobiotec), per poi proseguire, grazie al Prof. Yves Galante (CNR), con i numerosi esempi di come i prodotti biotech (in particolare gli enzimi) abbiano ormai conquistato un ruolo primario sia nei processi industriali che nella produzione di oggetti di largo consumo, come i jeans, i detersivi, gli shampoo. La prof.ssa Flavia Marinelli (Università dell’Insubria) ha illustrato le possibilità offerte dai percorsi di studio di quest’area, che hanno come tema fondante “sapere e saper fare”, e ha ricordato che i laureati magistrali in Biotecnologie dell’Università dell’Insubria oggi raggiungono la piena occupazione entro i tre anni dal completamento degli studi; il dottor Marco Parachini (Biochemtex-gruppo Mossi Ghisolfi) ha illustrato le qualità e competenze che l’industria biotech richiede nei giovani che vogliano intraprendere la professione di biotecnologo nelle multinazionali. Sono stati infine consegnati dal Prof. Lanfranco Masotti (Consorzio Italbiotec) gli attestati ai ragazzi che hanno aderito al progetto “tutoring 1:1”, iniziativa che consente agli studenti un raccordo formativo tra la laurea triennale e quella magistrale.

Il tema di quest’anno, “Biotecnologo cercasi”, è stato scelto in base ai suggerimenti raccolti dai ragazzi presenti alla manifestazione lo scorso anno, ed è sembrato un ottimo spunto per inaugurare il Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie, che la scorsa settimana ha avviato le lezioni con una settantina di matricole. Questo nuovo corso completa l’offerta formativa di area biotech, aggiungendosi al Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriali e al Dottorato di Ricerca in Biotecnologie, Bioscienze e Tecnologie Chirurgiche e, come sottolineato anche dagli speaker, rende l’Università dell’Insubria un polo di riferimento per la formazione di giovani biotecnologi competenti e motivati.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi
  • Sabato 21 gennaio a San Vittore Olona va in scena la Cinque Mulini Studentesca

    È in programma sabato 21 gennaio a San Vittore Olona l’edizione numero 22 della Cinque Mulini Studentesca. Alla corsa campestre, che anticipa di un giorno la tradizionale e prestigiosa Cinque Mulini, sono attesi più di mille studenti delle scuole dell’Alto Milanese. L’iniziativa,