Università dell’Insubria: assegnate le borse di studio per il premio Ace

Alle studentesse Cusati, Volpe e Olmo il prestigioso riconoscimento

15 dicembre 2015
Guarda anche: Varese Città
WP_20151215_005

 

È andato a Elisa Cusati, Sara Olmo e Martina Volpe il Premio ACE 2015 assegnato dall’Associazione Calabrese di Epatologia (Onlus) di Pellaro, Reggio Calabria, per il migliore progetto di comunicazione realizzato dagli Studenti del corso di Comunicazione Pubblica e Istituzionale, del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi dell’Insubria.

L’Associazione Calabrese di Epatologia Onlus è impegnata nel sostenere progetti di ricerca epidemiologica, nella divulgazione, finalizzata alla prevenzione, nella formazione e nell’aggiornamento degli operatori della sanità e nella realizzazione de “La Cittadella della salute”, struttura che intende proporsi come punto di riferimento nel rapporto tra architettura e territorio dove coesistono materiali e linguaggi tradizionali ed innovativi (http://www.associazionecalabresepatologia.it/).

Il Premio ACE consiste in una borsa di studio del valore di mille euro, per la realizzazione di un prodotto di comunicazione per la promozione della “Cittadella della Salute”.

La Giuria – composta da Avv. Nino Mafrici in rappresentanza di ACE (Associazione Calabrese di Epatologia – Onlus), Prof. Fabio Minazzi, Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, Università degli Studi dell’Insubria, Prof.ssa Katia Visconti, Docente di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi dell’Insubria, Dott. Mauro Carabelli, esperto di Comunicazione Pubblica e Marketing – ha attribuito il Premio all’elaborato delle tre studentesse varesine con la seguente motivazione: “L’elaborato, sia in formato video e formato testo, ha l’originalità di articolare con linguaggio appropriato e buona rappresentazione grafica i campi di intervento dell’associazione su tre livelli indirizzati a bambini, adolescenti e adulti. Per quanto riguarda la realizzazione del logo risulta appropriato il riferimento al filosofo calabrese Tommaso Campanella ideatore del trattato “La Città del Sole” in quanto consente di innervare l’azione dell’associazione nel tessuto culturale del territorio in cui si ritrova ad agire. Il video diretto esclusivamente ai bambini rappresenta un creativo viaggio attraverso il mondo della salute ben utilizzabile come lezione interattiva tra insegnate e alunni. La rappresentazione delle finalità associative attraverso i tre libretti cartacei è ben articolata e adattata ai tre livelli di percezione delle problematiche relative alla salute e alla sua prevenzione”.

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione