Una nuova sede per la Guardia medica a Sant’Anna

L’intero primo piano della struttura è stato adeguato ad attività di tipo sanitarie e comprende, oltre agli spazi dedicati alla guardia medica, anche altri due studi medici

04 Novembre 2019
Guarda anche: Busto Arsizio

E’ stata inaugurata oggi la nuova sede della Guardia Medica (Servizio di Continuità Assistenziale dell’ATS Insubria) nell’edificio di Via Stoppani 4 (quartiere di sant’Anna) completamente ristrutturato dell’Amministrazione comunale.
I lavori, realizzati da Agesp Attività Strumentali, sono stati concordati e condivisi con la struttura tecnica di ATS Insubria, e sono consistiti nella nuova disposizione interna dei locali, nella posa di nuova pavimentazione in pvc, nel rifacimento degli impianti idraulico, di riscaldamento ed elettrico, nella sostituzione delle porte interne e della porta di ingresso, nella realizzazione dell’ascensore.
L’intero primo piano della struttura è stato adeguato ad attività di tipo sanitarie e comprende, oltre agli spazi dedicati alla guardia medica, anche altri due studi medici.
Soddisfatto dell’obiettivo raggiunto il sindaco Emanuele Antonelli: ”sono fiero del lavoro che hanno fatto i nostri tecnici e sono contento per il #quartiere perché questa era quasi una discarica. Abbiamo fatto pulire tutto e poi abbiamo colto l’occasione di dare vita alla struttura con la nuova sede alla Guardia medica. Abbiamo deciso di investire qui circa 200.000 Euro, adesso vorremmo che questa diventi una vera e propria Casa della Salute con altri servizi in ambito sanitario.
Questa sede significa anche maggiore #sicurezza per il quartiere ed è anche un #regalo per chi lavora qui, duramente, tutti i giorni: i medici possono ora contare su una sede confortevole dove lavorare serenamente.”

Per ora i medici in servizio sono tre, ma l’obiettivo è quello di arrivare a quattro.
La guardia medica di Busto eroga circa 16.000 prestazioni l’anno, di cui 5.000 visite in ambulatorio, 1.000 a domicilio e 10.000 consulenze telefoniche.

All’ inaugurazione hanno partecipato moltissimi cittadini del quartiere, oltre al sindaco, all’europarlamentare Isabella Tovaglieri, al vicesindaco Manuela Maffioli, all’assessore all’Inclusione Osvaldo Attolini, al consiglieri comunali Paolo Genoni e Livio Pinciroli, ai vertici dell’ATS Insubria, rappresentati dal direttore generale Lucas Maria Gutierrez e dal direttore sanitario Edoardo Michele Majno. Presenti anche il direttore generale dell’Ospedale di Busto, Eugenio Porfido e Don Michele Gatti, parroco di Sant’Anna che ha benedetto, la struttura e i presenti.

Si ricorda che il Servizio di Continuità Assistenziale è aperto
· tutti i giorni dalle ore 20.00 alle ore 23.30
· sabato, domenica e festivi dalle ore 8.00 alle ore 20.00
· nelle giornate prefestive infrasettimanali dalle ore 10.00 alle ore 20.00.
Dalle ore 23.30 alle ore 8.00, l’accesso potrà avvenire contattando preventivamente il numero verde 840.000.661.

Tag:

Leggi anche:

  • A Malpensa Fiera arriva “Expo Elettronica”

    Il 18 e 19 gennaio, MalpensaFiere torna ad ospitare il primo dei tre appuntamenti annuali con Expo Elettronica, che si presenta ricco di conferme e novità interessanti. L’evento consumer più longevo d’Italia torna in Lombardia con la promessa di grandi affari, in virtù dell’ offerta
  • La Polizia locale sequestra prodotti irregolari e pericolosi

    Nella giornata di martedì 14 gennaio, personale del Pronto intervento in affiancamento al Nucleo di Polizia Annonaria e Commerciale del Comando di Polizia locale, ha provveduto a denunciare in stato di libertà un venticinquenne italiano – di origini cinesi – titolare di una attività di
  • Giovedì 30 gennaio si rinnova la tradizione della Giöbia

    Giovedì 30 gennaio torna la secolare tradizione della Giöbia. festa popolare tra le più attese e amate dai bustocchi. Amministrazione Comunale, Ascom e Distretto del Commercio sono all’opera per organizzare al meglio la giornata con il mondo del commercio e le associazioni che abitualmente si
  • Sanità, Fontana: obiettivo del 2020 è ridurre le liste d’attesa

    “Nel 2020 l’obiettivo prioritario non solo della Giunta regionale, ma anche delle ASST e ATS, deve essere quello di ridurre i tempi d’attesa per visite e prestazioni sanitarie. Necessario, inoltre, curare maggiormente e in modo efficace la comunicazione ai cittadini, affinché vengano