Umanità sprecata, la loro e la nostra

La Sinistra per Gallarate: riflessioni in relazione alla manifestazione dei profughi ospitati a Busto Arsizio e alla mancanza di volontà di affrontare, fuori dalla propaganda, la complessa situazione

27 luglio 2017
Guarda anche: GallarateLettere

Ma davvero dobbiamo rassegnarci all’idea che in Italia è impossibile fare le cose per bene? Che non è possibile che lo Stato, le Regioni, i Comuni facciano i dovuti controlli su come sono spesi i soldi pubblici? Che sempre tutto diventi un rimpallarsi di responsabilità, perché nessuno si assuma mai le proprie?

Certo il flusso migratorio in consistente aumento negli ultimi anni ha messo in difficoltà le strutture e le pratiche di accoglienza. Ma negli anni le difficoltà anziché essere risolte, sono aumentate. Come mai?

Di certo non perché era difficile prevedere che sarebbe aumentato il numero di disperati alla ricerca di un futuro, visto il proliferare di guerre (spesso condotte con armi italiane) e di disastri ambientali (per cui il mondo occidentale non può sentirsi estraneo). Di certo non perché davvero credevamo che sarebbe bastato un muro o gli inumani campi in Libia a fermarli.

Probabilmente a qualcuno fa comodo che la gestione dell’accoglienza sia così male gestita. Basta guardare le foto e i commenti degli sciacalli della manifestazioni di ieri dei richiedenti asilo ospitati a Busto Arsizio. Sui corpi dei migranti, sulla diffusione di odio e paura si costruiscono ormai campagne e successi elettorali. Il rinvio, di nuovo, di una legge annacquata sullo ius soli è lì a dirci quanto anche forze politiche che si definiscono democratiche abbiano ceduto all’imperante campagna antistraniero.

Ma chi governa, il Paese o il singolo Comune, non può limitarsi alla propaganda, al dire ai propri cittadini non è mio compito, non è mia responsabilità. Chi governa deve assumersi il compito di affrontare la complessità, anche se non è facile.

E’ così impossibile che i centri di accoglienza vengano controllati, che siano stabiliti criteri minimi rispettosi dell’umanità di ciascuno, che in caso di inosservanza si proceda secondo la legge?

Alcuni centri di accoglienza riescono ad attivare corsi di italiano, iniziative sul territorio, momenti di confronto con i vicini di casa, riescono a inserirsi nel tessuto sociale e culturale senza particolari difficoltà. Certo in quei casi, le condizioni di vita offerte ai profughi sono dignitose. E certo il guadagno del gestore è più limitato. Ma é così impensabile pretendere che chi partecipa ai bandi della Prefettura faccia della presenza dei profughi un’occasione di lavoro e guadagno, ma non di sfruttamento e lucro? E’ così oltraggioso pretendere che una legge del 2002, di 15 anni fa dunque, che ha formalizzato il sistema SPRAR, sistema pubblico per l’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, venga diffusamente attuata, così da affrontare una tematica così complessa attraverso l’accoglienza integrata, che supera la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, costruzione di percorsi di inserimento socio-economico? 

Lo diceva già un anno fa un pericoloso giornale antagonista, Famiglia Cristiana: non sarà con la politica dello struzzo e del calcestruzzo -per costruire muri-, che risolveremo qualcosa.”

Tag:

Leggi anche:

  • “MALPENSA FUORI ROTTA” il tema scomparso in campagna elettorale

    Il tema di Malpensa è scomparso dalla campagna elettorale, benché influisca in modo significativo sul nostro territorio in termini ambientali e lavorativi e benché le scelte delle istituzioni nazionali e regionali siano di fondamentale importanza. Liberi e Uguali intende riportare la centro del
  • Liberi e Uguali Gallarate contro la KB srl che ritira la disponibilità per l’accoglienza migranti

    “Il sindaco di Gallarate canta vittoria perché la K.B. srl sembra aver ritirato la propria disponibilità all’accoglienza di migranti nelle proprie strutture. Il primo cittadino sventola, ormai come coazione a ripetere, il consueto “fora di bal”, auspicando un pronto trasferimento dei
  • Attilio Fontana “Vogliamo le ZES”

    “Uno dei miei impegni da governatore sarà trattare con il prossimo Governo nazionale per la realizzazione delle Zone Economiche Speciali, peraltro già previste dal Governo per alcuni porti del Mezzogiorno, per cui noi lavoreremo per realizzare le Zone Economiche Speciali nelle aree di
  • Berlusconi “Fuori 600mila migranti, sono una bomba sociale”

    “L’immigrazione è una questione urgentissima. Oggi in Italia si contano almeno 630 mila migranti di cui solo il 5%, e cioè 30 mila, ha diritto di restare in quanto rifugiati e cioè fuggiti da guerra e morte. Gli altri 600 mila sono una bomba sociale pronta a esplodere, perché vivono di