Tutor spenti ma autovelox attivi: la mappa italiana

Chilometro per chilometro ecco dove bisogna prestare attenzione, rischio multe altissimo per gli automobilisti “furbi”

01 Giugno 2018
Guarda anche: AperturaTrasporti Strade Autostrade

Hanno spento i tutor sulle autostrade, ma nel frattempo la società ha deciso di ripristinare alcuni autovelox che erano stati spenti. 

Gli autovelox tornano al fine di garantire la sicurezza sulle strade, in attesa che vengano installati i nuovi sistemi di rilevazione della velocità che sostituiranno gli ormai spenti tutor.

Va precisato che questi punti di controllo non sono mai stati disattivati del tutto, anche se ovviamente il superlavoro del Tutor li aveva relegati ad un ruolo di secondo piano dal punto di vista dei controlli.

Ecco la mappa italiana di tutti gli autovelox attivi.

Tag:

Leggi anche:

  • Ai Comuni fondi per la sistemazione di scuole strade ed edifici pubblici

    Quattrocento milioni di euro ai Comuni per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio culturale. E’ di oggi la firma al decreto del Ministero dell’Interno che attua il comma 107 della legge di Stabilità 2019. Si tratta di contributi a pioggia che saranno
  • Autostrade 2019, nessuno aumento “Accordo con il governo”

    Buone notizie per i viaggiatori italiani: l’anno nuovo si apre, finalmente, senza alcun aumento sui pedaggi autostradali. La notizia è arrivata in queste ultime ore. Il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia, d’intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha
  • Autostrade, bloccare gli aumenti. Sulla a24 e a25, sindaci sono da ascoltare

    I rincari autostradali sono da bloccare. È prioritario oggi stoppare gli aumenti dal primo gennaio, su tutta la rete nazionale. Per la A24 e A25, ad esempio, i Sindaci e Uncem Lazio sono stati chiari scendendo più volte in piazza negli ultimi mesi: no agli aumenti delle tariffe. Devono essere
  • AMC Italia recluterà 1.700 nuovi venditori nel 2019

    Una cucina sana ed equilibrata, ma allo stesso tempo gustosa e, perché no, anche facile e rapida, grazie all’innovazione tecnologica. È questo ciò che desiderano gli italiani, che a tavola sono sempre più attenti e consapevoli di ciò che mangiano, e quindi sono disposti a investire in