Tunisino irregolare aggredisce agente di Polizia

Il 18enne tunisimo, con precedenti, è irregolare in Italia e ha precedenti di polizia per vari reati. Iniziate le procedure di espulsione

18 luglio 2015
Guarda anche: Gallarate
Poliziafoto

Nella serata di ieri 17 luglio un agente della Polizia di Stato del Commissariato di Gallarate, libero dal servizio, che si intratteneva con amici presso un bar cittadino, è intervenuto nel tentativo di contenere un gruppo di persone moleste.

In particolare tre giovani tunisini rispettivamente di 18, 30 e 35 anni, già in evidente stato di ebbrezza, hanno parcheggiato proprio davanti l’ingresso del bar, diffondendo musica a volume altissimo e disturbando gli avventori con esagerate e fastidiose richieste, al punto da scatenare perfino le vivaci reazioni di alcuni residenti ai piani superiori degli edifici circostanti.

Le persone infastidite dal loro comportamento, titolari del bar compresi, hanno tentato in vano di redarguirli e calmarli; i tre hanno reagito inizialmente con noncuranza ed arroganza, ma a un certo punto hanno iniziato a scagliare ingiurie e pesanti minacce, anche brandendo delle bottiglie di birra in vetro contro chi si rivolgesse loro.

A quel punto l’agente ha deciso di intervenire qualificandosi, ma ha ottenenuto per tutta risposta il lancio di una bottiglia al torace, riportando per fortuna leggere lesioni personali.

Dopo una breve colluttazione il gruppo si dava alla fuga in automobile e l’agente, nonostante il dolore, si lanciava all’inseguimento con la propria vettura, dando l’allarme ai colleghi del Commissariato in servizio, che riuscivano poco dopo a raggiungere e bloccare insieme a lui i fuggitivi.

Assunte le testimonianze dei vari presenti ed eseguiti i dovuti accertamenti sull’identità dei tre, in Commissariato si è così scoperto che il trentacinqueenne risultava latitante, in quanto doveva scontare due anni e mezzo di reclusione per spaccio di stupefacenti consumato nelle zone boschive del legnanese, ed è stato dunque immediatamente accompagnato in carcere a Busto Arsizio.

Per il trentenne conducente dell’autoveicolo, in collaborazione con la Polizia Locale di Gallarate, è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza, con sequestro dell’autoveicolo e ritiro della patente.

“Per il diciottenne, che ha oltretutto inscenato leggeri atti di autolesionismo ferendosi superficialmente al volto al fine di accusare i poliziotti di averlo percosso, dopo un rapido passaggio precauzionale al Pronto Soccorso che ha escluso effettive necessità sanitarie, è scattata la denuncia in stato di libertà per lesioni e violenza a pubblico ufficiale in quanto riconosciuto come autore del lancio della bottiglia contro l’agente, aggravato dal rilevato stato di ubriachezza. Nei suoi confronti, essendo irregolare in Italia e con precedenti di polizia per vari reati, sono state avviate le procedure di espulsione” spiega la Questura nel comunicato.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti