Trenord annuncia il primo sciopero del 2018

Disagi e personale fermo: nella giornata di martedì 6 febbraio la prima agitazione

02 Gen 2018
Guarda anche: LombardiaTrasporti Strade Autostrade

L’anno è appena iniziato ed ed è già stato programmato il primo sciopero da parte dell’azienda Trenord in tutta la Lombardia.

Il personale del servizio si fermerà il prossimo martedì 6 aprile. Nella giornata saranno effettuate le tratte del solo orario garantito, ovvero con partenza entro le 09:00 e partenza dopo le 18:00.

L’annuncio di questo sciopero, che resta confermato, era stato già diffuso del Ministero dei Trasporti lo scorso 22 dicembre.

Tag:

Leggi anche:

  • Trenord, via all’orario invernale: 2.204 treni giornalieri sulle 40 direttrici lombarde

    Da domenica 9 dicembre, con l’introduzione dell’orario invernale, diventa operativo il nuovo programma di Trenord che prevede 2.204 corse ferroviarie quotidiane. Altre 139, attualmente svolte con treni, saranno effettuate da bus, favorendo, nelle ore a bassa frequentazione, minori
  • In arrivo due giorni di sciopero dei treni

    L’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha proclamato uno sciopero di 23 oreinteressante il settore del Trasporto Ferroviario Regionale – dalle ore 03:00 di domenica 09 alle ore 02:00 di lunedì 10 dicembre 2018 -, che potrebbe coinvolgere il personale di Trenord. Durante
  • Un Piano per salvare Trenord, non i servizi ferroviari

    “Come noto, da lunedì 10 dicembre verranno soppresse e parzialmente sostituite con autobus circa 180 corse al giorno (oltre il 7% del totale) sulla rete di Trenord. Questo, in estrema sintesi, il cosiddetto “piano di emergenza” di Trenord, predisposto, secondo i vertici della
  • Palumbo (FI) sul decreto dignità “1 lavoratore su 3 perderà lavoro”

    «<Colpo mortale al precariato>. Così annunciava con toni trionfalistici il Ministro Luigi Di Maio il giorno dell’approvazione dello sciagurato Decreto Dignità che elimina i contratti a tempo determinato superiori ai 24 mesi. Bel principio, ma poi? Poi il 33% dei lavoratori perderanno il