Trainito-Fontana, duello sul Varese e l’ultima scadenza si avvicina

Massimo Trainito chiede al sindaco di sostenerlo nel tentativo di iscrivere la squadra alla Lega Pro (scadenza martedì 14)

10 luglio 2015
Guarda anche: AperturaSportVarese Città
Fotocalcio

Martedì 14 luglio il pubblico dell’Ossola conoscerà il proprio destino: quel giorno, infatti, scadranno i termini per regolarizzare l’iscrizione alla Lega Pro e il Varese, rappresentato dal solo Massimo Trainito a fronte delle dimissioni di Alì Zeaiter, deve trovare all’incirca 1.200.000 Euro per saldare l’ultima tranche degli stipendi relativi alla stagione 2014-2015 e per produrre la fidejussione necessaria alla disputa del campionato. Il tempo scorre impietoso e, quest’oggi, si è assistito ad un surreale scambio di battute tra lo stesso Trainito e il sindaco Fontana.L’imprenditore di origini siciliane, infatti, ha chiesto esplicitamente aiuto al primo cittadino tramite un appello sul sito ufficiale dell’As Varese 1910, nel quale sottolinea come “salvare il Varese significa salvare il patrimonio dei giocatori attualmente in rosa, un valore importante; salvare i posti di lavoro di tutti i dipendenti e garantire loro di percepire le mensilità arretrate; garantire inoltre a tutte le aziende locali che vantano un credito di poterlo recuperare”. Trainito, che assicura di essere nel pieno dell’impegno per reperire le risorse necessarie in questi pochissimi giorni, chiede “a tutti e soprattutto al primo cittadino Attilio Fontana di schierarsi al nostro fianco immediatamente per dare un  valore aggiunto alla nostra pianificazione per la prossima stagione 2015-16 che dovrà avere il Varese iscritto alla Lega Pro”, sconfiggendo il pessimismo che trapela in alcuni organi d’informazione ed esemplificato anche dalla manifestazione dei tifosi di sabato scorso, quando gli ultras hanno chiaramente fatto intendere di preferire un Varese nei dilettanti, magari fallito e rifondato come nuova società, rispetto ad un club ancora in linea di galleggiamento nei professionisti ma costretto a vivere in quel clima d’incertezza che perdura ormai da oltre un anno.
Il sindaco Fontana non ha voluto commentare, pur sapendo che martedì, a carte scoperte, il suo ruolo potrebbe diventare fondamentale: sarà lui, infatti, a dover chiedere alla Figc, una volta non ottemperata la scadenza per l’iscrizione alla Lega Pro, di iscrivere la squadra cittadina in serie D.

Tutto questo, ovviamente, a patto di trovare una nuova dirigenza disposta a garantire ossigeno al club: se in questi giorni i ventilati colloqui con due cordate romane si sono dissolti nel nulla, un Varese nei dilettanti avrebbe ovviamente un “costo” minore rispetto ad una squadra nuovamente ancorata ai professionisti e dunque potrebbe suscitare l’interesse persino di qualche imprenditore locale.

Col suo messaggio, Trainito ha invece voluto invitare il sindaco a restargli al fianco per battere ogni strada possibile, in una situazione che appare comunque surreale se non addirittura disperata, per salvare in extremis il Varese ed iscriverlo alla Lega Pro, categoria “guadagnata” sul campo con l’ingloriosa retrocessione dalla serie B.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Tutto esaurito a Ville Ponti per la festa di Cosentino. E arriva Fontana

    E’ stata un successo la festa di Giacomo Cosentino (candidato alle elezioni regionali nella lista Fontana Presidente) che si è tenuta ieri sera nella splendida Villa Andrea Ponti a Varese. Nel grande salone del secondo piano – pieno di persone – erano presenti Sindaci, consiglieri e
  • Il ruolo della città di Busto Arsizio e di Malpensa nella Lombardia del futuro

    Attilio Fontana, candidato Presidente di Regione Lombardia per la Lega e il centrodestra, sarà a Busto Arsizio mercoledì 21 febbraio, per discutere sul futuro della grande città della nostra provincia. L’incontro si svolgerà nella sala Tramogge dei Molini Marzoli Massari, in via Molino
  • Violi “Fontana teme M5S e chiede confronto a candidato scarso”

     “Fontana ha paura di confrontarsi con il M5S e al massimo corteggia un candidato scarso come Gori per un confronto. I due da giorni giocano a chi farà più lunga Pedemontana dimostrando di non avere nessuna visione per il futuro della Lombardia. Eviterei ai cittadini la farsa di un confronto
  • Alp Transit, milioni per le opere di compensazione grazie al centrodestra

    Regione Lombardia ha messo in atto un accordo di programma con Rfi e gli Enti locali, da 30 milioni di euro, di cui 10 messi dalla Regione.  “Un gesto concreto che dimostra come il centrodestra in Lombardia ha sempre avuto un’attenzione particolare per i Comuni e i suoi abitanti –