Superticket sanitario, assessore Gallera: Lombardia prima regione ad abolirlo completamente

Per anticipare l’entrata in vigore dell’esenzione dal 1° marzo anziché dal 1° settembre la Regione Lombardia stanzia 54 milioni di euro di risorse autonome

14 Febbraio 2020
Guarda anche: AperturaAttualitàLombardia

“L’abolizione totale del superticket su tutte le prestazioni specialistiche ambulatoriali scatterà in Lombardia dal 1° marzo prossimo. Siamo la prima Regione in assoluto a prevederne l’azzeramento, sei mesi in anticipo rispetto a quanto previsto a livello nazionale”.
Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commentando l’attuazione della misura prevista dalla manovra Finanziaria regionale e attuata attraverso una delibera che la Giunta ha approvato nei giorni scorsi su sua proposta.

“Per anticipare l’entrata in vigore dell’esenzione dal 1° marzo anziché dal 1° settembre – ha spiegato Gallera – la Regione Lombardia stanzia 54 milioni di euro di risorse autonome. Il beneficio è rivolto a tutti i lombardi e decorre dalle prestazioni prenotate dal 1° marzo 2020. Si tratta di un ulteriore, decisivo tassello nella direzione di alleggerire il più possibile il costo delle compartecipazioni ai servizi socio sanitari per i cittadini lombardi, garantendo loro nel contempo cure di assoluta eccellenza”.

IL PERCORSO VERSO L’ABOLIZIONE – Con la Delibera n. 162 del 29/05/2018 la Giunta egionale aveva dimezzato il superticket sanitario passando da un massimo di 30 euro ad uno di 15 aggiuntivi a prestazione. La misura ha interessato 1,5 milioni di cittadini lombardi con uno stanziamento di 20 milioni di euro che si aggiungevano ai 70 che la Regione Lombardia già sosteneva per le esenzioni aggiuntive rispetto a quelle nazionali.

Attraverso la Delibera 2085 del 31/07/2019, al fine di supportare condizioni di potenziale vulnerabilità che coniugano reddito medio basso con la presenza in famiglia di soggetti di minore età o soggetti disabili, la Giunta regionale aveva esentato dal super-ticket – grazie ad uno stanziamento di 10.456.000 euro – 625.000 cittadini che si trovavano nelle seguenti situazioni:
• nuclei familiari fiscali con reddito compreso fra1 8.000 e 30.000 euro con almeno un minore presente nel nucleo (circa 315.000 nuovi esenti)
• nuclei familiari fiscali con reddito fra 30.000 e 70.000 euro con almeno due minori presenti nel nucleo (circa 260.000 nuovi esenti)
• nuclei familiari fiscali con reddito fino a 90.000 con un soggetto affetto da una delle seguenti esenzioni per invalidità: G01, G02, L01, L02, S01, S02, C01, C02, C03, C04, C05, C06 (circa 50.000 nuovi esenti).

Tag:

Leggi anche:

  • Gallera “I primi pazienti in Fiera tra domenica e lunedì”

    “In Lombardia stiamo notando una flessione nel numero dei casi, ma soprattutto della pressione sui pronto soccorso e sull’azione delle ambulanze. Negli ultimi 4 giorni è cambiato molto. E’ il segno che il grande sforzo che stiamo facendo, al di là di qualche idiota, sta
  • Le farmacie di Varese a domicilio

    I farmaci a casa tua, con consegne sicure e gratuite. Un servizio che Federfarma Varese ha attivato da tempo, ma che pochi conoscono e che oggi, complice l’emergenza coronavirus, assume un valore ancor più importante. L’iniziativa è rivolta a coloro che non possono recarsi personalmente in
  • #VARESEVASEMPREAVANTI Misure per crisi sanitaria

    L’aspra congiuntura economica che stiamo vivendo a seguito dell’emergere della crisi legata al coronavirus Covid-19, impone un’azione immediata e chiara nei contenuti a favore delle imprese, dei lavoratori e di tutti gli operatori del nostro territorio. Alla luce di questa
  • Sanità, Fontana: obiettivo del 2020 è ridurre le liste d’attesa

    “Nel 2020 l’obiettivo prioritario non solo della Giunta regionale, ma anche delle ASST e ATS, deve essere quello di ridurre i tempi d’attesa per visite e prestazioni sanitarie. Necessario, inoltre, curare maggiormente e in modo efficace la comunicazione ai cittadini, affinché vengano