Suona la campanella, ma ad Angera si rischia di perdere lo scuolabus

Il gruppo civico ALLEA denuncia la decisione dell’Amministrazione Comunale di Angera di fare tagli e modifiche allo scuolabus, con scelte che mettono in difficoltà molte famiglie

09 Settembre 2019
Guarda anche: Varese provincia

Da pochi giorni le famiglie degli studenti che usufruiscono del servizio comunale di accompagnamento a scuola tramite scuolabus sono state informate di importanti cambiamenti. L’Amministrazione Comunale all’ultimo minuto ha deciso di utilizzare un solo scuolabus, anziché due come fino all’anno scorso, per effettuare il servizio, con un conseguente aumento dei tempi di percorrenza e riduzione del percorso e quindi delle aree coperte, in particolare di quelle più periferiche . Questo nonostante si registra un aumento della retta registrato nel corso dello scorso anno scolastico.

Con la nuova soluzione, imposta alle famiglie quando queste già avevano iscritto i bambini e comunicata via email, i tempi del viaggio si dilatano fino a 50 minuti, con i primi bambini costretti a salire sullo scuolabus alle ore 7:10 per giungere a scuola alle ore 8:00. Uguale situazione al ritorno, sia per il pranzo che dopo i pomeriggi di scuola. Come se non bastasse, la fermata di Capronno viene soppressa, per cui i bambini che abitano nella frazione dovranno farsi 1 km a piedi su una strada senza marciapiede e non illuminata. Alternativa, farsi accompagnare in automobile.

La diminuzione del numero di iscritti nell’ultimo anno è dovuta all’elevato costo del servizio che le famiglie devono sostenere. La nuova decisione di ridurre il percorso non potrà evidentemente che disincentivare ulteriormente l’utilizzo dello scuolabus, con uno svantaggio soprattutto per le famiglie che abitano più lontano dal polo scolastico.

Il gruppo civico Allea inoltre esprime preoccupazione anche per il prevedibile ulteriore peggioramento della situazione viabilistica in ingresso e uscita dal plesso scolastico: il disincentivo ad usare il servizio scuolabus incrementerà le auto in transito nelle ore di punta, aggravando una situazione già di per sé pericolosa e che si trascina da anni, mai veramente affrontata nonostante i proclami fatti in passato.

Dichiara Milo Manica, capogruppo di Allea: “Il gruppo civico Allea esprime disappunto per la decisione dell’amministrazione riguardo al servizio scuolabus che viene indebolito, mettendo a disagio molte famiglie con bambini in età scolare. Abbiamo già presentato un’interrogazione che verrà discussa nel prossimo consiglio comunale e lavoriamo per spingere gli amministratori a prendere i giusti provvedimenti per rimediare a questa situazione.”

Tag:

Leggi anche:

  • Il 7 gennaio ripartono le iscrizioni a scuola per il prossimo anno

    Iscrizioni al nuovo anno scolastico 2020/2021 ai nastri di partenza: come accade ormai da alcuni anni, dalle 8.00 di martedì 7 alle 20.00 di venerdì 31 gennaio 2020, sarà possibile inoltrare on line la domanda di iscrizione per gli alunni che devono frequentare le prime classi. Per i genitori
  • Scuola Genitori, martedì seconda serata in Salone Estense

    Sarà “la giusta distanza tra genitori e figli” l’argomento al centro della seconda serata della Scuola Genitori 2019/2020, in programma domani alle 20.30 nel Salone Estense del Palazzo comunale. Dopo il successo dell’appuntamento d’esordio con il pedagogista Daniele
  • Scuola Genitori, la prima serata lunedì in Salone Estense

    Comincerà lunedì sera, 7 ottobre la Scuola Genitori, rassegna di incontri sulla genitorialità guidati dagli esperti del Centro psico pedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti di Piacenza. Il primo appuntamento, in programma alle 20.30 nel Salone Estense del Palazzo comunale,
  • Ad Angera nasce il gruppo di lavoro per l’ospedale Ondoli

    Il gruppo civico Allea mantiene un forte legame con i cittadini che lo hanno supportato in campagna elettorale e ribadisce la volontà di lavorare per il bene della comunità. In questi mesi di incontri con le frazioni, partecipazione agli eventi della vita cittadina, sono state molte le