Studenti dell’Insubria premiati al Sahara International Model United Nations

Cinque gli studenti che hanno raggiunto il riconoscimento, quattro di loro studiano nella sede di Varese

16 aprile 2018
Guarda anche: Varese Città

 

Si sono distinti per capacità di mediazione, dialettica e moderazione i 25 studenti dell’Univeristà dell’Insubria iscritti, nella settimana tra il 9 e il 13 aprile, al Sahara International Model United Nations (SIMUN) ad Agadir in Marocco, partecipato da oltre un centinaio di giovani provenienti da Tunisia, Algeria, Spagna, Svizzera, Giordania, Stati Uniti, Sudan, Mauritania, Pakistan, Marocco e appunto Italia.

L’università dell’Insubria ha raccolto il maggior numero di attestati di merito, la delegazione era composta da studenti selezionati attraverso un bando promosso dal Centro di ricerca Religioni, Diritto e Economie nello Spazio Mediterraneo (REDESM), diretto dal prof. Ferrari e istituito presso il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Insubria.

Cinque i premiati: Martina Visconti di Giurisprudenza sede di Como IV anno, Federico Forgione di Giurisprudenza sede di Varese V anno, Elena Palumbo di Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale III anno, Giulia Cattaneo di Mediazione II anno, Lia Venini di Mediazione II anno.

I Model United Nations sono simulazioni dei lavori dell’assemblea delle Nazioni Unite, una sorta di palestra per apprendere come gestire i lavori delle commissioni, interpretare i ruoli dei delegati, rispettare le regole del dibattito formale, confrontarsi con temi di politica internazionale. Quest’anno, nella seconda edizione del SIMUN, gli argomenti oggetto dei lavori sono stati: i diritti umani, il ruolo dell’educazione nella prevenzione degli estremismi, la gestione delle crisi internazionali come quella siriana, la parità di genere e la promozione del ruolo delle donne.

«Ci si misura con culture, logiche, prassi profondamente diverse – è stato il commento del gruppo di delegate impegnate nel topic “parità di genere” – la difficoltà è mediare tra ciò che per noi è inaccettabile come lo sfruttamento dei minori e le realtà contingenti di Paesi con sistemi giuridici e di welfare differenti».

Ad ogni studente è stata assegnata una nazione che ha dovuto impegnarsi a rappresentare, studiandone le politiche, approfondendone storia, cultura e legislazione. Gli interventi – in inglese – hanno tenuto conto della prospettiva di quella specifica nazione e si sono inseriti nel dibattito secondo le complesse regole delle assemblee ONU. L’esercizio, difficile, è stato quello di interpretare la posizione di quel Paese, in un prezioso gioco di ruolo che insegna a comprendere il punto di vista di altri, le tensioni che si generano, le possibilità di alleanze e tutto quel non scritto che non si impara ma si agisce.

 

Ma l’esperienza più significativa che i giovani mediatori hanno potuto raccogliere si è coagulata attorno ai momenti informali, quando si sono trovati esposti alla verifica degli stereotipi, in dialogo con coetanei di altri Paesi della fascia mediterranea. «L’incontro di diverse identità in un contesto di vita in comune e concreta ha rappresentato un’occasione di confronto e vicinanza, è quello lo spazio dove si riescono a riconoscere gli stessi problemi» è stato il commento del prof. Alessando Ferrari, con lui il prof. Antonio Angelucci e la prof.ssa Flavia Cortelezzi, vice direttore del REDESM.

Il Centro si propone di promuovere, sostenere e sviluppare la ricerca e lo scambio di esperienze e di progetti in materia di pluralismo religioso nell’area del Mediterraneo, con l’obiettivo di migliorare la reciproca conoscenza fra le diverse religioni, culture e società di un complesso contesto geopolitico. Il Centro, lo scorso ottobre, ha organizzato il convegno “Dichiarazione di Marrakech, religioni e cittadinanze plurali: riflessioni tra le due sponde del mediterraneo”, in quel contesto ha preso avvio il dialogo tra l’associazione I Ponti, costituita da donne italiane e straniere per la promozione dell’integrazione e presieduta dalla dott.ssa Noura Amzil. Una collaborazione generativa di idee e attività, tra queste la partecipazione dell’Università dell’Insubria al SIMUN.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Comune e Univesità, si alla ricerca di ragazzi che svolgano il prossimo Censimento Istat

    Opportunità di lavoro per i giovani che studiano all’Università degli Studi dell’Insubria. Grazie ad una convenzione tra il Comune e l’Ateneo gli iscritti all’università potranno infatti candidarsi per effettuare il prossimo Censimento permanete della popolazione e delle
  • Servizi Parascolastici nella Scuola Primaria, bilancio positivo

    “Comprendiamo che a qualcuno i dati dei servizi parascolastici possano essere indigesti, ma i numeri parlano chiaro e forse sarebbe il caso a volte di avere un po’ di umiltà e riconoscere quando si sbaglia. L’opposizione fa giustamente il proprio mestiere ma la serietà nel
  • “Sostenibilità: Rifiuti energia mobilità” se ne parla all’insubria

    La giornata sarà dedicata alla presentazione dei percorsi di sostenibilità avviati dall’Università degli Studi dell’Insubria per incrementare gli impatti positivi in termini ambientali, etici, sociali ed economici sul territorio insubre, con particolare attenzione riguardo la
  • Laureati LIUC all’estero: primo posto nel Rapporto Almalaurea

      Il 44% dei laureati della LIUC – Università Cattaneo ha svolto un periodo di studio all’estero (tramite Erasmus, Exchange, Doppio Titolo ecc): un risultato che pone la LIUC al primo posto (contro la media complessiva del 12,8%) a livello nazionale fra gli atenei iscritti ad Almalaurea,