Sicurezza sui treni: da settembre 150 vigilantes

La Regione Lombardia ha deliberato lo stanziamento di fondi per garantire il servizio di vigilanza sui treni. Maroni: ''Questo è il nostro piano B. Aspettiamo però che il governo ci mandi più uomini di Polizia e Carabinieri. E l'Esercito''

03 luglio 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateMilanoVarese
Trenord

A partire dal 1 settembre nelle stazioni e sui treni lombardi ci saranno 150 addetti della vigilanza privata in più per garantire la sicurezza di passeggeri e personale di Trenord. Lo hanno annunciato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, nella conferenza stampa dopo la riunione della Giunta.

Presenti alla conferenza stampa anche il presidente di FNM Andrea Gibelli e l’amministratore delegato di Trenord Cinzia arisè.

GARANTIRE SICUREZZA A CITTADINI E LAVORATORI – “Questa decisione – ha spiegato il presidente Maroni – è frutto di un lavoro congiunto con Fnm e Trenord. L’obiettivo è garantire la sicurezza ai cittadini e, innanzitutto, a chi lavora sui treni, che ha diritto di operare in condizioni di assoluta sicurezza. Mi auguro che, a questo che abbiamo chiamato ‘piano B’, si aggiunga il ‘piano A’ e cioè che il Governo finalmente ci dia ascolto e mandi poliziotti e carabinieri e anche l’esercito, continuando l’operazione ‘Strade sicure’. Vedere in giro per le stazioni un uomo in divisa è un deterrente fortissimo”.

VIAGGI GRATIS PER FORZE DELL’ORDINE – “Non servono tantissime risorse – ha aggiunto Maroni – ma non è neanche questo il problema. Noi siamo disponibili a coprire i costi, ma non possiamo disporre l’invio di polizia, carabinieri o militari. Da parte nostra abbiamo già messo oltre 6 milioni di euro per garantire il trasporto gratuito degli uomini e delle donne delle Forze dell’Ordine sui nostri treni, anche quando sono fuori servizio. Insisto perché il Governo prenda questa decisione ma, in assenza di risposte, abbiamo voluto noi dare una risposta concreta”.

OBIETTIVO È PREVENZIONE – “L’obiettivo è la prevenzione – ha aggiunto il presidente -. Se c’è il controllore, che in certe ore e su certe tratte non va in giro da solo ma va in giro con una o due guardie, è più difficile che venga aggredito. Da qui a settembre saranno definite meglio le tratte e le stazioni più a rischio dove ci sarà presidio”.

Tag:

Leggi anche:

  • Europeo under 21 – Italia, il sogno finisce qui, in finale ci va la Spagna

    Ci hanno provato gli uomini di mister Di Biagio, reggendo bene l’urto nei primi 45′, ma poi cedendo al palleggio spagnolo che dimostra come questa nazionale sia ancora qualche gradino superiore rispetto ai nostri. Dopo una prima frazione di gioco equilibrata, nella ripresa arriva il gol
  • Europeo under 21 – E’ il grande giorno di Italia-Spagna

    Gli occhi sono tutti puntati su di loro, su quei baby-grandi calciatori speranza azzurra in un Europeo tanto giovane quanto affascinante. Affascinante, e non potrebbe essere diversamente, anche la sfida delle sfide di questa sera tra Italia e Spagna. Perché questa sera sarà semifinale, questa
  • Riparte la stagione estiva alle Bettole

    Si alza il sipario sulla grande stagione estiva de Le Bettole di Varese. Domani sera (prima gara alle ore 20.20), infatti, l’ippodromo varesino aprirà le sue porte per il primo dei 13 appuntamenti ippici in programma nella Città Giardino tra giugno, luglio e agosto. Se domani, come afferma
  • Europeo under 21 – Bernardeschi castiga la Germania, Italia in semifinale

    Impresa della nazionale under 21 che grazie ad un gol al 31′ della ripresa di Bernardeschi, e grazie anche alla vittoria della Danimarca per 4 a 2 sulla Repubblica Ceca, vola in semifinale in quest’europeo under 21. La Germania è battuta dunque ma si qualifica come seconda del girone