Sicurezza stradale, altro intervento del Presidente Vincenzi

Progetto sicurezza strade provinciali: la posizione della Provincia di Varese

03 febbraio 2017
Guarda anche: AttualitàVarese Città

In merito all’appalto riguardante la sicurezza sulle strade provinciali, in questi giorni sono apparsi una serie di articoli rispetto ai quali il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi, il Vicepresidente Marco Magrini e il Consigliere provinciale alla Viabilità Davide Tamborini fanno alcune considerazioni e precisazioni.
«Stiamo parlando di un progetto di sicurezza stradale ad ampio raggio, condiviso da tutta la maggioranza e che non prevede solo il posizionamento di sistemi di controllo di velocità, ma anche il monitoraggio di situazioni potenzialmente pericolose in prossimità di impianti semaforici, attraversamenti pedonali, ztl, oltre che di educazione e prevenzione nelle scuole. Lavorare per migliorare la sicurezza sulle nostre strade è uno dei nostri obiettivi», dichiara il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi a seguito della Commissione dei capigruppo di maggioranza e minoranza, che si è tenuta a Villa Recalcati proprio per affrontare la questione.
Durante l’incontro è stato illustrato il project financing, che, hanno ricordato il vicepresidente Marco Magrini e il Consigliere provinciale alla Viabilità Davide Tamborini «è arrivato in Provincia a maggio 2016 e sul quale sono state fatte una serie di valutazioni e richieste di garanzie a favore dell’Ente. Un lavoro questo ultimato a ottobre 2016. A oggi nulla è stato deciso, poiché c’è un bando di gara pubblica su un progetto definito e, prima di ogni considerazione, è bene attendere la scadenza dei termini e l’esito della gara. Questo perché al momento nessuna scelta in merito al posizionamento dei tutor e dei sistemi di controllo è stata definita e nel momento in cui lo si farà, sarà necessaria l’autorizzazione della Prefettura. Non solo, ma un ruolo importante lo avranno anche i Sindaci ai quali abbiamo già chiesto, attraverso le rispettive polizie locali, di segnalare le criticità alla Provincia al fine di avere un quadro di riferimento ben preciso su cui intervenire una volta che il bando è stato assegnato».
I consiglieri Magrini e Tamborini invitano quindi a cogliere il vero senso del progetto: «Sulla sicurezza stradale non si scherza. Oggi, per ragioni che tutti ben sanno, dobbiamo fare i conti anche con la riduzione del personale e quindi non riusciamo a garantire un controllo capillare lungo gli oltre 600 chilometri di provinciali. Il tema della sicurezza lungo la rete viaria provinciale, soprattutto nell’ultimo periodo è stata più volte affrontato anche dagli amministratori locali. In una recente riunione svoltasi nei giorni scorsi a Travedona, i sindaci del territorio attraversato dalla “Vergiatese” e dalla SS Valcuvia fino all’alto luinese hanno esplicitamente chiesto interventi per migliorare la sicurezza su questo asse stradale strategico e non a caso Provincia di Varese, nei prossimi mesi presenterà al territorio, e successivamente porterà in approvazione, il Piano della mobilità provinciale strumento indispensabile per pianificare, programmare e riorganizzare la rete viaria di competenza».

Tag:

Leggi anche: