Sicurezza, Orrigoni: “Un tema centrale nel nostro programma”

Dai tragici fatti internazionali alla dimensione varesina, il candidato sindaco del centrodestra a tutto tondo sul tema

25 marzo 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
orrigoni

Il tema della sicurezza è uno tra i più sentiti dei nostri cittadini ed è centrale nel nostro programma. Dopo i terribili
fatti avvenuti questa settimana, ho preferito far passare qualche giorno prima di commentare, perché ogni sintesi immediata sarebbe stata dettata
dalla forte emozione del momento”.

Paolo Orrigoni, candidato sindaco del centrodestra, punta nelle prime indicazioni del programma elettorale* sul tema della sicurezza.*

“Ho due figli che sono la mia vita – spiega -. Il mio lavoro, come quello di tante persone a me vicine, ci porta spesso nelle metropoli italiane o
nelle capitali europee utilizzando per lo più treni, aerei e metropolitane.Non possiamo fare finta di nulla e rassegnarci a convivere
con paura e terrore. No. Io non alzo le mani di fronte a chi entra barbaramente nelle nostre vite ed uccide con bombe piene di chiodi persone
che potrebbero essere nostri fratelli, nostri cari, nostri figli. Che potremmo essere noi. Dobbiamo essere determinati e decisi nello scegliere
che fare. E farlo al più presto”.
Una soluzione “potrebbe essere la creazione di una forza di sicurezza europea in grado di controllare con servizi di intelligence il territorio.
Potrebbe funzionare e sarebbe auspicabile. Ma se in decenni di Unione Europea non sono riusciti a definire neanche delle regole di collaborazione
tra le forze di polizia dei diversi paesi non credo nella possibilità che la soluzione al terrorismo possa arrivare a breve termine da una Europa che è per lo più concentrata ed attenta ad economia e finanza”.
Secondo Orrigoni “c’è solo una soluzione che passa dal controllo attento di ogni stato, di ogni paese, di ogni città. Investire sulla sicurezza
della città è l’unica strada che nel breve può garantirci di tornare a vivere, a pensare e dormire liberi e sereni. Per noi e soprattutto per le
persone che amiamo”.

Varese sicura – “Dobbiamo vivere e sentirci sicuri nelle nostre case, in piazza e viaggiando sui bus – continua Orrigoni –. Sono necessarie regole
chiare e rispetto della nostra cultura e del vivere civile: chiunque voglia vivere nella nostra comunità le deve conoscere e rispettare”.
Un piano preciso per il recupero e la riqualificazione delle aree dismesse, polizia locale da potenziare, controlli serali, tecnologie. *“Su
questo punta il nostro programma – conclude Orrigoni – Proprio il nuovo piano per l’illuminazione pubblica è fondamentale per garantire sicurezza e
massima vivibilità. Sulla videosorveglianza è stato fatto tanto, ma sicuramente incrementare le dotazioni tecnologiche sarà un valore aggiunto
nel lavoro degli agenti per migliorare la vigilanza sia nei rioni sia in centro. Per una Varese sempre sicura non dovremo mai abbassare la guardia”.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta