Scuola, al via la “chiamata veloce” dei docenti

Possibile aderire fino al 2 settembre

02 Settembre 2020
Guarda anche: Scuola e Istruzione

Prende il via la “chiamata veloce” dei docenti, la nuova procedura prevista dal decreto sulla scuola approvato a dicembre in Parlamento che consente a chi è in graduatoria, ma non ha ottenuto il ruolo con la normale tornata di assunzioni, di poter presentare domanda in un’altra regione dove ci sono posti disponibili per ottenere prima la cattedra a tempo indeterminato.

Le domande potranno essere effettuate fino alle ore 23.59 del 2 settembre. L’apertura della procedura è slittata di alcune ore per consentire al Ministero di poter scaricare tutti i dati dei posti rimasti disponibili dai singoli Uffici Scolastici Regionali in modo corretto e metterli così a disposizione dei docenti che aspirano al ruolo.

Da stamattina è possibile presentare l’istanza e già si registra l’afflusso di utenti sul sistema. Subito dopo l’assegnazione dei posti con la chiamata veloce si procederà con le supplenze. Il Ministero ha infatti messo a punto un fitto cronoprogramma, scadenza dopo scadenza, per consentire un avvio ordinato del nuovo anno che sta consentendo di chiudere le singole operazioni nei tempi previsti per la prima volta dopo molti anni.

Tag:

Leggi anche:

  • Scuola, nessun boom di supplenze

    I dati relativi alle supplenze per l’anno scolastico appena iniziato sono del tutto in linea con quelli di un anno fa. Non c’è, di fatto, alcun boom. In particolare, i posti a tempo determinato, secondo la ricognizione effettuata alla data odierna dal Ministero, sono, quest’anno, poco più
  • Scuola, quest’anno nelle classi oltre 8,3 milioni di studentesse e studenti

    Sono oltre 8,3 milioni le studentesse e gli studenti che rientrano quest’anno tra i banchi: 7.507.484 negli istituti statali, ai quali si aggiungono i circa 860 mila delle paritarie. Si tratta dei primi dati elaborati sul nuovo anno scolastico, il 2020/2021. In particolare, con la ripartenza di
  • Galimberti “Buon anno scolastico a tutti”

    «1° settembre 2020: l’Italia riparte da voi. Milioni di bambini, ragazzi e adolescenti stanno aspettando, con ansia, di rivedervi per poter riprendere in presenza il percorso formativo e scolastico, interrotto mesi fa a causa dell’emergenza sanitaria. Certo, anche nei mesi più duri, grazie
  • Nidi e scuole dell’infanzia: si riapre il 7 settembre

    Due certezze per asili nido e scuole dell’infanzia del Comune di Varese. La prima è la data di riapertura: si ripartirà lunedì 7 settembre. La seconda, poi, è data dalle misure di sicurezza per il contrasto alla pandemia da coronavirus, che si delineano anche grazie a ingressi scaglionati