Sanità in tilt, sciopero programmato per il 23 febbraio

Annunciata la data ufficiale dello sciopero nazionale che righerà sia il personale medico che quello infermieristico di tutte le regionali italiane. La sospensione dei turni di lavoro avrà una durata di 24 ore

01 febbraio 2018
Guarda anche: AttualitàItalia

“Cambia la data, ma non le ragioni e le finalità del nostro sciopero – spiega Andrea Bottega, segretario nazionale NurSindIl 26 febbraio, giorno da noi scelto per astenerci dal lavoro, infatti, risultava troppo ravvicinato a quello individuato dai camici bianchi. Abbiamo quindi deciso di coalizzare il dissenso verso le politiche sanitarie di questo governo unificando la data della nostra protesta. Dirigenza e comparto sanità, dunque, saranno compatti il prossimo 23 febbraio per dire no a un rinnovo contrattuale che si preannuncia peggiorativo rispetto al precedente”.

Il rischio è dunque quello di un blocco di ospedali e sale operatorie.

La protesta degli infermieri, che era stata fissata per il 26 febbraio, avrà dunque inizio il 23 febbraio prossimo, a valere per tutti i turni di servizio ricadenti in tale data e quindi dalle ore 00.00 alle ore 24.00. 

Tag:

Leggi anche:

  • Sistema sanitario Lombardo presenta i “Ristoranti della salute”

    FIASO, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che rappresenta il maggior numero delle Aziende sanitarie e ospedaliere e degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) dislocati sul territorio nazionale, propone il convegno “Promozione delle buone
  • Giuseppe Conte a capo dell’Italia “Sarà l’avvocato del nostro paese”

    “Sono professore e avvocato, ho perorato cause di varie persone e ora difendo l’interesse degli italiani in tutte le sedi Ue e internazionali dialogando con le istituzioni Ue e con gli altri Paesi. Mi propongo di essere l’avvocato difensore del popolo italiano”. Queste le
  • M5S Lombardia. Rimodulazione ticket, sì ma con riserve.

    Oggi, in Commissione regionale sanità, il M5S Lombardia ha espresso un parere favorevole alle determinazioni della Giunta regionale relative alla rimodulazione del ticket sanitario. Per Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S: “Il nostro è un voto a favore, ma con alcune riserve.
  • Sanità: sì unanime della Commissione alla riduzione dei ticket

    Riduzione in vista per i ticket sanitari sulle ricette mediche. I cittadini non esenti, infatti, pagheranno fino ad un massimo di 15 euro (rispetto ai 30 euro attuali) il ticket aggiuntivo calcolato secondo fasce di valore che vanno dai 5 euro ai 51,01 euro e oltre. La Commissione Sanità ha