Sacro Monte, entra nel vivo il restauro della scalinata del Sommaruga

Questa mattina la consegna del cantiere; nei prossimi giorni, tempo permettendo, gli esperti al lavoro. L’intervento è realizzato grazie a una convenzione tra Comune e la onlus Italia Nostra

30 Ottobre 2019
Guarda anche: Varese Città

Due reti arancioni, i tecnici che studiano i gradini in pietra e le ringhiere in ferro. Al Sacro Monte sono entrati nel vivo questa mattina, con la consegna del cantiere, i lavori di restauro della scalinata progettata a inizio Novecento dall’architetto milanese Giuseppe Sommaruga. Un intervento cominciato negli scorsi mesi con la rimozione di alcuni massi e con la stabilizzazione del vicino pendio, ma che nei prossimi giorni vedrà partire anche la parte più propriamente artistica. La scalea si trova in via Fincarà e permette il collegamento tra la strada comunale del Ceppo e quella superiore per le Tre Croci; la sua sistemazione, il cui valore complessivo sarà di poco più di 11mila euro, è resa possibile da una convenzione tra Comune di Varese e la sezione cittadina della onlus Italia Nostra.

Nel dettaglio l’intervento prevede l’estirpazione della vegetazione infestante, la ristrutturazione delle opere in ferro, la ripulitura di quelle in pietra e la loro successiva protezione, la sistemazione dei gradini e la sostituzione dei corpi illuminanti a lanterna con altri di tipo sferico.

“Con questo progetto – afferma l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Civati – puntiamo a impreziosire ulteriormente il Sacro Monte, dando nuova luce a un’opera per troppo tempo dimenticata. Sono tante le iniziative e le azioni concrete che in questi anni stanno portando a una sempre maggiore valorizzazione del nostro patrimonio UNESCO. Significativo è, poi, che questi interventi vengano spesso fatti grazie alla collaborazione tra amministrazione e associazioni del territorio, in questo caso Italia Nostra cui va un ringraziamento particolare”.

La scalea è di fatto un’opera quasi inedita di Sommaruga: il progetto, infatti, venne attribuito al famoso architetto milanese solo nel 2000, grazie a un documento ritrovato negli archivi comunali. Promuovere il restauro conservativo dell’opera e la sua conoscenza è l’obiettivo che ha animato la proposta di Italia Nostra, con il coinvolgimento anche della Soprintendenza.

“Da anni la scalinata – spiegano per Italia Nostra Varese il vicepresidente Bruno Bosetti e il consigliere Massimo Propersi – richiedeva e meritava una maggiore attenzione. Prima di poter cominciare davvero il restauro servivano alcuni importanti lavori preparatori, ma oggi possiamo dire che l’attesa è finita. Un’attesa che è stata condivisa da diversi varesini: metà dell’importo necessario per l’intervento, infatti, è stato ottenuto grazie a una raccolta fondi e un contributo importante arriverà anche dalla Fondazione comunitaria del Varesotto”.

Tag:

Leggi anche:

  • Sacro Monte, lavori per una funicolare più inclusiva

    La ripartenza di Varese passa anche dal Sacro Monte. Il patrimonio Unesco sarà presto ancor più alla portata di tutti: in questi giorni, infatti, sono in corso alcuni lavori di ammodernamento della funicolare, con la sostituzione dei tre sollevatori per le carrozzine dei passeggeri
  • I Sacri Monti su TV 2000

    Visto il successo di pubblico dello scorso anno, TV2000 ha deciso di rimandare in onda  la serie di documentari “Sacri Monti di Piemonte e Lombardia”, Patrimonio UNESCO dal 2003. Ogni sabato alle ore 17.30 sarà possibile fare un viaggio nello spirito scoprendo la storia dei nove
  • Messa nella cena del Signore

    Secondo le indicazioni comunicate dal Vicario Generale, Mons. Franco Agnesi, le celebrazioni della Settimana Autentica ed il Triduo Pasquale verranno celebrate dall’Arcivescovo Mons. Mario Delpini in cattedrale. Per offrire ai fedeli la possibilità di unirsi in preghiera, la S.Messa nella
  • Coronavirus, vietato accesso a Sacro Monte e Schiranna

    Sacro Monte e Schiranna off-limits per i prossimi tre weekend. Il Comune di Varese ha emanato un’ordinanza che modifica temporaneamente la circolazione e la sosta dei veicoli in due dei luoghi simbolo del turismo cittadino. Obiettivo evitare la formazione di assembramenti, così come stabilito