Rissa tra stranieri, la Questura sospende la licenza del bar Relax di Gallarate

A luglio lo stesso locale aveva già subito una chiusura per ordine pubblico

25 novembre 2015
Guarda anche: Gallarate
Poliziafoto

Nel pomeriggio di ieri gli agenti del Commissariato di P.S. di Gallarate hanno notificato e contestualmente eseguito l’ordine di sospensione della licenza per motivi di ordine pubblico emesso dal Questore di Varese a carico del bar caffetteria “Relax”, sito nei pressi della stazione ferroviaria all’intersezione tra Via Beccaria e Piazza Giovanni XXIII.

Il bar, che aveva subito un identico provvedimento di chiusura per quindici giorni lo scorso 25 luglio, resterà chiuso per ulteriori trenta giorni in seguito alla grave rissa scoppiata intorno alle 22.00 del 14 novembre, tra più persone prevalentemente di nazionalità straniera, in parte nordafricani ed in parte dell’Europa orientale. 

La rissa tra circa venti clienti era divampata all’interno del bar e poi proseguita nell’area dehors all’esterno dello stesso, ma aveva finito per interessare perfino l’atrio della prospiciente stazione ferroviaria, il tutto immortalato dalle telecamere comunali di videosorveglianza e da quelle interne alla stazione; dai filmati, poi acquisite dal Commissariato, si vedono chiaramente i partecipanti alla rissa sferrarsi calci e pugni nonché lanci di bottiglie e di altri oggetti.

Subito accorsi proprio su richiesta del capostazione, gli agenti avevano constatato le tracce della rissa ma nell’immediatezza non avevano potuto andare molto oltre l’identificazione di tre giovani corrissanti di nazionalità ucraina, che avevano avuto la peggio e non erano riusciti a darsi alla fuga, ed erano stati poi medicati in Pronto Soccorso (uno di loro ha riportato ferite al volto per trenta giorni di prognosi).

Benché il bar risultasse appena chiuso (fatto apparso da subito molto insolito, dato che usualmente chiude molto più tardi), i successivi accertamenti hanno poi consentito di individuarlo quale luogo di origine della rissa tra più avventori dello stesso.

La decisione del Questore consegue, inoltre, alla persistente abituale frequentazione del bar da parte di persone note per i loro precedenti di polizia o che mantengono atteggiamenti molesti o contrari al decoro civile, così come accertato dagli agenti del Commissariato nel corso di distinti servizi di controllo.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti