Ripartono gli interventi di Varese Cambia Luce

Nei prossimi due mesi in programma la sostituzione di oltre 3000 lampade con tecnologia a led

09 Gennaio 2019
Guarda anche: AttualitàComune di Varese

Da venerdì ripartono i lavori di Varese Cambia Luce, il grande intervento di sostituzione di tutti i punti luce della città, di rinnovamento e potenziamento dell’illuminazione pubblica cittadina. Dopo una breve pausa durante le festività natalizie riprendono dunque i lavori che prevedono la sostituzione di tutti i corpi illuminanti di Varese, oltre alla realizzazione di alcuni nuovi punti luce in aree oggi non coperte dalla rete. Quindi maggiore illuminazione in città, nei quartieri e sugli attraversamenti pedonali per una Varese più illuminata, sicura e vivibile.  

La novità del 2019 è che verrà potenziato il numero di squadre al lavoro per l’installazione delle nuove tecnologie a led. Dal giorno di avvio dei lavori e fino alla fine del 2018 sono già state sostituite circa 600 lampade. Nei prossimi due mesi il programma prevede la sostituzione di oltre 3000 lampade e i lavori interesseranno i quartieri di Capolago, Calcinate del Pesce, Lissago, Schiranna e Bobbiate, Bustecche, Bizzozero e Giubiano. Per queste zone sono stati calcolati circa due mesi di lavoro, poi l’intervento si sposterà nel resto della città.

Nei prossimi giorni i cittadini residenti nelle zone interessate riceveranno una lettera che li informerà sui dettagli dell’intervento e verrà comunicata la data dell’incontro pubblico relativo a ciascun quartiere. Inoltre, tra qualche giorno sarà attivo anche il nuovo sito di Varese Cambia Luce sul quale si potrà seguire in tempo reale l’evoluzione dei lavori attraverso la mappa della città e inviare segnalazioni.

 

L’intervento “Varese Cambia Luce”:
È partito il 13 novembre 2018 uno dei più grandi interventi per la modernizzazione della città che vedrà la sostituzione di tutti gli 11000 corpi illuminanti e lampioni di Varese oltre alla realizzazione di alcuni nuovi punti luce in aree oggi non coperte dalla rete. I nuovi impianti con tecnologia di illuminazione a led, ovvero punti luce altamente efficienti, consentiranno al termine dell’intervento un risparmio di energia per la città di circa il 70% rispetto ad oggi, ottenendo inoltre il grande risultato di  superare finalmente i cronici problemi legati ad impianti ormai vecchissimi, risalenti agli anni ’60 e ‘70.

È stata avviata anche una campagna di partecipazione che attraverserà tutti i quartieri della città con l’obiettivo di coinvolgere attivamente i cittadini che potranno ricevere informazioni dettagliate sull’intervento, fare proposte e condividere l’intero progetto, gli obiettivi e i risultati che Varese raggiungerà in materia di sicurezza, illuminazione, efficienza, consumi, risparmi e miglioramento della qualità ambientale della nostra città.

Smart city, più sicurezza, più illuminazione, risparmio energetico ed economico, riduzione dell’inquinamento e miglioramento tecnologico, sono questi i principali obiettivi di “Varese Cambia Luce”. Il grande progetto prevede anche un miglioramento estetico dei pali della luce perché ne verranno sostituiti oltre 3000, oltre a quasi 1000 mensole da parete. Verranno inoltre rifatti oltre 23 chilometri di linee aeree, oltre 200 quadri elettrici di comando, 11 chilometri di  linee interrate e ne verranno posate 6 chilometri di nuove. Diciotto mesi di lavori dunque per dare un nuovo volto alla città e una nuova luce a strade e quartieri per una città più sicura, moderna ed ecologica.  

Sono circa 4 milioni i kWh che Varese risparmierà al termine dei lavori con un grande beneficio in termini ambientali e di costi: circa il 67% in meno rispetto ad oggi. Per ogni quartiere il risparmio in kWh andrà tra il 60 e il 70% di consumi in meno.  

Ma Varese Cambia Luce vuol dire anche la realizzazione di una vera Smart City. Grazie alla tecnologia che verrà installata in questi mesi infatti la città verrà dotata di nuovi sistemi di telecontrollo che consentiranno al gestore di poter controllare l’intera rete in ogni momento, gestendo accensioni e riparazioni tramite una rete wireless che collegherà l’intero sistema. Verrà potenziata anche la comunicazione con il cittadino grazie a nuove app e un sistema di segnalazione di guasti tramite anche l’utilizzo del qr code. Verranno installate inoltre delle centraline meteorologiche per la rilevazione dei dati ambientali e nuove colonnine di ricarica delle auto elettriche. Grazie poi ad un sistema di analisi e statistica si potrà monitorare i flussi della mobilità pedonale del centro storico ricevendo dati utili per la gestione del sistema. Insomma una rivoluzione che oltre a dare nuova luce alla città e ai quartieri di Varese trasporterà la città nell’innovazione tecnologica.

Tag:

Leggi anche:

  • Cittiglio, si torna a scavare nel cimitero medievale

    Dal 25 giugno riprendono gli scavi e gli studi dei resti umani del cimitero medievale e post medievale della chiesa di San Biagio a Cittiglio, a conclusione di una campagna avviata a fine 2018 dall’Università dell’Insubria e coordinata da Marta Licata, del Dipartimento di Biotecnologie e
  • Pronta la nuova pista di atletica a Calcinate. Sabato l’inaugurazione

    Un grande appuntamento per inaugurare in modo ufficiale il nuovo Centro Sportivo di Atletica a Varese a cui parteciperà il campione olimpico e maratoneta Stefano Baldini, insieme a tutte le realtà sportive e le associazioni che vivono ogni giorno l’impianto e che tra pochi giorni potranno
  • Piantone di via Veratti, il futuro lo scelgono i varesini

    Salute compromessa, problema sicurezza e memoria da mantenere viva per sempre. Sono questi i tre temi emersi nel corso della serata dedicata al Piantone di via Veratti. Perché se gli studi di Palazzo Estense mostrano che il cedro dell’Atlante è irrimediabilmente morto, la sua storia è ben
  • I paesaggi di Varese protagonisti in tv su Sky Arte

    Piccoli e grandi gioielli religiosi costellano il Varesotto, territorio in cui la congiunzione di acqua, terra e cielo ha creato una forma spontanea di paesaggio sacrale. Da una scalinata rivolta verso i poetici scorci del Lago Maggiore si scende all’Eremo di S. Caterina del Sasso, luogo di