Riforma Sanità: ecco cosa cambia a Varese

L'Ats dell'Insubria avrà sede a Varese. Ma la battaglia sulla riforma continua

31 luglio 2015
Guarda anche: Salute e CucinaVarese Città
Ospedale

Accordo trovato. Come anticipato da Vareseneparla.com c’è la comune volontà di arrivare a un’intesa bipartisan sulla riforma del sistema sociosanitario tanto che all’unanimità questa sera i gruppi consigliari hanno decisio di cancellare le due sedute d’Aula previste per giovedì e venerdì per permettere al gruppo di lavoro di limare il testo che a questo punto sarà presentato in Consiglio regionale settimana prossima. 

Tecnicamente ci vorranno comunque due giorni per le operazioni di voto: questo vuol dire che la Leggge vedrà la luce il 5 agosto. E’ un momento delicato perché – trovata la quadra di massima – bisogna far collimare tutte i tasselli del puzzle che vede ancora alcune caselle fuori posto come quella relativa alle funzioni (e governance soprattutto) dell’Agenzia di controllo. Ma bisognerà anche far digerire a molti la cancellazione degli ospedali d’eccelleza (quelli sopra i mille posti letto) con l’introduzione delle sole Asst: Bergamo, Brescia, Niguarda, San Paolo… dovranno tutti “sporcarsi” le mani con il sociosanitario. Le Ats saranno otto e l’Assessorato sarà unico anche se la decisione non sarà obbligatoria: è possibile che non entrerà nella Legge come condizione essenziale ma sarà una facoltà del governatore. Ci saranno significative ricadute anche nella nostra provincia. Sì perché – grazie alla paziente opera di mediazione del presidente Fabio Rizzi – il voto che il Consiglio esprimerà includerà il via libera all’azzonamento. Fermo restando che l’Ats dell’Insubria avrà sede a Varese e comprenderà anche il territorio di Como (escluso l’alto lago), sulle Asst la battaglia sarà fino all’ultimo secondo possibile. I giochi comunque sembrano fatti: non ci sarà un’Azienda unica interprovinciale (Macchi più Sant’Anna) e nemmeno provinciale (Varese, più Busto Arsizio e Gallarate) lasciando spazio a due soli poli attrattivi. Varese sarà costituita dall’ospedale di Circolo, dal Ponte, da Cuasso al Monte, da Cittiglio e da Luino e comprenderà anche i presidi di Angera e Somma; mentre Busto Arsizio ingloberà Gallarate mantenendo Tradate e Saronno. Questa soluzione premia il lavoro fatto da Rizzi (Lega), non scontenta l’Ncd (Cattaneo: “Fa bene tutto fuorché l’azienda unica”), non umilia Forza Italia che vedrebbe allargare la sua area d’influenza anche su Gallarate.

Simone Rasetti 
Vareseneparla.com

Tag:

Leggi anche:

  • La Lombardia nelle mani di Attilio Fontana

    Attilio Fontana diventa così ufficialmente il nuovo governatore, ricevendo dalle mani di Roberto Maroni, governatore uscente, le cariche per prendere in mano la totale gestione della Lombardia. Dopo la vittoria alle passate elezioni regionali, Attilio Fontana fa ufficialmente oggi il suo ingresso
  • Attilio Fontana presidente della Regione

    Dalle 17 di ieri Attilio Fontana è ufficialmente il nuovo presidente della Regione Lombardia: tale lo ha proclamato, a quell’ora, la Corte d’Appello di Milano. Stamattina a Palazzo Lombardia ci sarà il passaggio di consegne, alle 11:00 presso la Sala Biagi di Palazzo Lombardia,  tra
  • Arcisate-Stabio, Cattaneo: “Giornata storica”

    “È una giornata storica: viene completato oggi un percorso che ha portato ad avere un collegamento trasfrontaliero che migliorerà le relazioni tra Varese, il Canton Ticino, Como e tra qualche mese anche verso l’aeroporto di Malpensa”: è il commento del Presidente del Consiglio regionale
  • Liceo Crespi di Busto premiato tra i migliori in Italia

    “Oggi premiamo il Liceo Classico ‘Crespi’ di Busto Arsizio, che e’ risultato il primo liceo classico entro un raggio di 30 Km da Milano nella classifica delle performance che i suoi ex alunni hanno avuto nei tre anni di studi universitari in base alla classifica annuale