Riforma Sanità: ecco cosa cambia a Varese

L'Ats dell'Insubria avrà sede a Varese. Ma la battaglia sulla riforma continua

31 luglio 2015
Guarda anche: Salute e CucinaVarese Città
Ospedale

Accordo trovato. Come anticipato da Vareseneparla.com c’è la comune volontà di arrivare a un’intesa bipartisan sulla riforma del sistema sociosanitario tanto che all’unanimità questa sera i gruppi consigliari hanno decisio di cancellare le due sedute d’Aula previste per giovedì e venerdì per permettere al gruppo di lavoro di limare il testo che a questo punto sarà presentato in Consiglio regionale settimana prossima. 

Tecnicamente ci vorranno comunque due giorni per le operazioni di voto: questo vuol dire che la Leggge vedrà la luce il 5 agosto. E’ un momento delicato perché – trovata la quadra di massima – bisogna far collimare tutte i tasselli del puzzle che vede ancora alcune caselle fuori posto come quella relativa alle funzioni (e governance soprattutto) dell’Agenzia di controllo. Ma bisognerà anche far digerire a molti la cancellazione degli ospedali d’eccelleza (quelli sopra i mille posti letto) con l’introduzione delle sole Asst: Bergamo, Brescia, Niguarda, San Paolo… dovranno tutti “sporcarsi” le mani con il sociosanitario. Le Ats saranno otto e l’Assessorato sarà unico anche se la decisione non sarà obbligatoria: è possibile che non entrerà nella Legge come condizione essenziale ma sarà una facoltà del governatore. Ci saranno significative ricadute anche nella nostra provincia. Sì perché – grazie alla paziente opera di mediazione del presidente Fabio Rizzi – il voto che il Consiglio esprimerà includerà il via libera all’azzonamento. Fermo restando che l’Ats dell’Insubria avrà sede a Varese e comprenderà anche il territorio di Como (escluso l’alto lago), sulle Asst la battaglia sarà fino all’ultimo secondo possibile. I giochi comunque sembrano fatti: non ci sarà un’Azienda unica interprovinciale (Macchi più Sant’Anna) e nemmeno provinciale (Varese, più Busto Arsizio e Gallarate) lasciando spazio a due soli poli attrattivi. Varese sarà costituita dall’ospedale di Circolo, dal Ponte, da Cuasso al Monte, da Cittiglio e da Luino e comprenderà anche i presidi di Angera e Somma; mentre Busto Arsizio ingloberà Gallarate mantenendo Tradate e Saronno. Questa soluzione premia il lavoro fatto da Rizzi (Lega), non scontenta l’Ncd (Cattaneo: “Fa bene tutto fuorché l’azienda unica”), non umilia Forza Italia che vedrebbe allargare la sua area d’influenza anche su Gallarate.

Simone Rasetti 
Vareseneparla.com

Tag:

Leggi anche:

  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele
  • Cinque mastini della Pallanuoto Banco BPM Sport Management convocati in Nazionale

    Saranno ben cinque gli atleti della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che dal 29 ottobre all’1 novembre 2017 si ritroveranno al Centro Federale di Ostia per il raduno collegiale della Nazionale Italiana. Il Commissario Tecnico Alessandro Campagna radunerà gli azzurri per quattro giorni di
  • Definiti gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup

    Sorteggiati oggi gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup, con la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che ha conosciuto il nome della sua avversaria: la Stella Rossa Belgrado. La formazione guidata da mister Marco Baldineti dunque sfiderà la compagine serba (vincitrice