Regione Lombardia s’impegna a pensare iniziative in memoria di Gianfranco Brebbia

La spinta di Luca Marsico fondamentale per valorizzare appieno il filmaker varesino

06 ottobre 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloPolitica
gianfranco brebbia

Approvata, all’unanimità, nel corso dell’odierna seduta di Consiglio regionale, una mozione che impegna la Giunta regionale all’istituzione di ogni iniziativa utile alla valorizzazione della memoria del filmaker varesino Gianfranco Brebbia. Primo firmatario il consigliere regionale di Forza Italia Luca Marsico.
«L’approvazione di oggi rappresenta il primo e decisivo passo per la valorizzazione della memoria di Gianfranco Brebbia, filmaker e fotografo appassionato che ha saputo catturare sia nei suoi scatti che nelle sue opere cinematografiche sperimentali la Varese degli anni sessanta e settanta dove la creatività culturale ed artistica si affermavano dando dinamismo alla Città Giardino.
Gianfranco, assieme alla sua cinepresa Bolex Paillard Reflex h 8, ha filmato fotogrammi di una Varese in evoluzione sociale e demografica – sottolinea Luca Marsico – non trascurando la ricerca e la libertà espressiva sfociata anche, nell’ultimo periodo della sua vita, nell’arte figurativa e nella pop art.
Regione Lombardia saprà attivarsi per dare il giusto riconoscimento ad un artista eclettico che ha fatto del cinema sperimentale una sua ragione di vita.»

Approvata, all’unanimità, nel corso dell’odierna seduta di Consiglio regionale, una mozione che impegna la Giunta regionale all’istituzione di ogni iniziativa utile alla valorizzazione della memoria del filmaker varesino Gianfranco Brebbia. Primo firmatario il consigliere regionale di Forza Italia Luca Marsico.
«L’approvazione di oggi rappresenta il primo e decisivo passo per la valorizzazione della memoria di Gianfranco Brebbia, filmaker e fotografo appassionato che ha saputo catturare sia nei suoi scatti che nelle sue opere cinematografiche sperimentali la Varese degli anni sessanta e settanta dove la creatività culturale ed artistica si affermavano dando dinamismo alla Città Giardino.
Gianfranco, assieme alla sua cinepresa Bolex Paillard Reflex h 8, ha filmato fotogrammi di una Varese in evoluzione sociale e demografica – sottolinea Luca Marsico – non trascurando la ricerca e la libertà espressiva sfociata anche, nell’ultimo periodo della sua vita, nell’arte figurativa e nella pop art.
Regione Lombardia saprà attivarsi per dare il giusto riconoscimento ad un artista eclettico che ha fatto del cinema sperimentale una sua ragione di vita.»

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti