Provincia di Varese: operativo il nuovo gestore idrico unitario

Il passaggio dei rami di Amsc e Agesp avviano ufficialmente Alfa

01 aprile 2016
Guarda anche: Busto ArsizioGallarate
acqua rubinetto

«Quella di oggi è una data storica e Alfa srl inizia a operare ufficialmente sul nostro territorio. Con il passaggio dei rami d’azienda di Amsc di Gallarate e Agesp di Busto il gestore unico del servizio idrico è una realtà concreta. L’inizio delle attività di Alfa è anche il risultato di un lavoro complesso che abbiamo portato avanti nell’ultimo anno e mezzo, raggiunto grazie all’impegno di tutti i soggetti coinvolti, ai quali vanno i miei personali ringraziamenti. Alfa è anche la dimostrazione che la Provincia, in qualità di Ente di Area Vasta ha e continuerà ad avere funzioni strategiche per il nostro territorio». Con queste parole il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi ha aperto la conferenza stampa durante la quale è stata ufficializzato l’inizio dell’attività di Alfa, società pubblica che gestirà il servizio idrico integrato.
Il consigliere provinciale Valerio Mariani, che ha seguito passo dopo passo l’iter di costituzione della società, ha spiegato che «Alfa è una società totalmente pubblica, che rispecchia la volontà referendaria dei cittadini. Il lavoro fatto è stato complesso e faticoso, ma oggi possiamo dirci soddisfatti e orgogliosi del risultato. Il valore di un bene prezioso come l’acqua non è solo una questione di costi, ma anche di investimenti che il gestore potrà fare e porterà avanti per tutelare e garantire la qualità dell’acqua che scende dai rubinetti delle nostre abitazioni».
Soddisfatto del traguardo raggiunto anche Pietro Zappamiglio, Presidente di Ato, il quale ha ricordato che «all’avvio del processo c’era una situazione delicata sotto il profilo normativo, decisionale e dell’unità di intenti. Siamo però riusciti ad allineare tutti gli atti necessari per dare vita ad Alfa e renderla concretamente operativa a tutti gli effetti».
A tracciare un quadro su come la società si muoverà a partire già dai prossimi giorni è stato l’Amministratore delegato di Alfa Saverio Bratta: «A oggi copriremo il servizio su un terzo del territorio provinciale. La continuità operativa sarà garantita dai 100 dipendenti confluiti da Agesp e Amsc e dall’attività degli sportelli che non subiranno cambiamenti di orario rispetto all’attuale. Da parte nostra lavoreremo per dare ancora più solidità attraverso i processi di integrazione della varie società ancora operanti sul territorio provinciale e delle così dette “gestione in economia” portate avanti dai Comuni soprattutto nella parte centro nord del Varesotto».

«Quella di oggi è una data storica e Alfa srl inizia a operare ufficialmente sul nostro territorio. Con il passaggio dei rami d’azienda di Amsc di Gallarate e Agesp di Busto il gestore unico del servizio idrico è una realtà concreta. L’inizio delle attività di Alfa è anche il risultato di un lavoro complesso che abbiamo portato avanti nell’ultimo anno e mezzo, raggiunto grazie all’impegno di tutti i soggetti coinvolti, ai quali vanno i miei personali ringraziamenti. Alfa è anche la dimostrazione che la Provincia, in qualità di Ente di Area Vasta ha e continuerà ad avere funzioni strategiche per il nostro territorio». Con queste parole il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi ha aperto la conferenza stampa durante la quale è stata ufficializzato l’inizio dell’attività di Alfa, società pubblica che gestirà il servizio idrico integrato.
Il consigliere provinciale Valerio Mariani, che ha seguito passo dopo passo l’iter di costituzione della società, ha spiegato che «Alfa è una società totalmente pubblica, che rispecchia la volontà referendaria dei cittadini. Il lavoro fatto è stato complesso e faticoso, ma oggi possiamo dirci soddisfatti e orgogliosi del risultato. Il valore di un bene prezioso come l’acqua non è solo una questione di costi, ma anche di investimenti che il gestore potrà fare e porterà avanti per tutelare e garantire la qualità dell’acqua che scende dai rubinetti delle nostre abitazioni».
Soddisfatto del traguardo raggiunto anche Pietro Zappamiglio, Presidente di Ato, il quale ha ricordato che «all’avvio del processo c’era una situazione delicata sotto il profilo normativo, decisionale e dell’unità di intenti. Siamo però riusciti ad allineare tutti gli atti necessari per dare vita ad Alfa e renderla concretamente operativa a tutti gli effetti».
A tracciare un quadro su come la società si muoverà a partire già dai prossimi giorni è stato l’Amministratore delegato di Alfa Saverio Bratta: «A oggi copriremo il servizio su un terzo del territorio provinciale. La continuità operativa sarà garantita dai 100 dipendenti confluiti da Agesp e Amsc e dall’attività degli sportelli che non subiranno cambiamenti di orario rispetto all’attuale. Da parte nostra lavoreremo per dare ancora più solidità attraverso i processi di integrazione della varie società ancora operanti sul territorio provinciale e delle così dette “gestione in economia” portate avanti dai Comuni soprattutto nella parte centro nord del Varesotto».

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti