Profughi a Varese, CasaPound: “Vogliamo un incontro col sindaco”

L'aumento del numero dei richiedenti asilo all'ex Plaza nel mirino del movimento

15 luglio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese
Casapound

Nella giornata di mercoledì 13 luglio, CasaPound Varese ha protocollato presso la Segreteria del Sindaco Galimberti una richiesta di chiarimenti in merito all’arrivo dei richiedenti asilo presso la struttura dell’ex hotel Plaza di Viale Sanvito Silvestro.“Nei giorni scorsi siamo stati contattati da diversi residenti allarmati dal crescente numero di richiedenti asilo ospitati presso la struttura dell’ex hotel Plaza – afferma in una nota il Movimento –abbiamo appreso a mezzo stampa e a giochi fatti, che i numeri sono destinati a salire nelle prossime settimane. Nel pomeriggio di mercoledì è stata protocollata, presso la Segreteria del Sindaco una richiesta di chiarimenti in merito a numeri, provenienza e durata prevista di questa “emergenza”.
“Durante la campagna elettorale il Sindaco ha posto al primo punto della propria agenda il problema della sicurezza, una volta eletto la sua prima mossa, senza che ancora si fosse tenuta la riunione di Giunta (si è tenuta mercoledì alle 16) è stata quella di aumentare i numeri di richiedenti asilo nelle zone degradate della città – prosegue CasaPound Varese –vorremmo sapere, come molti nostri concittadini, cosa ha intenzione di fare il Sindaco per evitare che queste persone vadano ad ingrossare le fila di coloro che quotidianamente bivaccano in Piazza Repubblica o nel comparto stazioni. Abbiamo chiesto al Sindaco un incontro per poterci confrontare su questi temi”

Nella giornata di mercoledì 13 luglio, CasaPound Varese ha protocollato presso la Segreteria del Sindaco Galimberti una richiesta di chiarimenti in merito all’arrivo dei richiedenti asilo presso la struttura dell’ex hotel Plaza di Viale Sanvito Silvestro.“Nei giorni scorsi siamo stati contattati da diversi residenti allarmati dal crescente numero di richiedenti asilo ospitati presso la struttura dell’ex hotel Plaza – afferma in una nota il Movimento –abbiamo appreso a mezzo stampa e a giochi fatti, che i numeri sono destinati a salire nelle prossime settimane. Nel pomeriggio di mercoledì è stata protocollata, presso la Segreteria del Sindaco una richiesta di chiarimenti in merito a numeri, provenienza e durata prevista di questa “emergenza”.
“Durante la campagna elettorale il Sindaco ha posto al primo punto della propria agenda il problema della sicurezza, una volta eletto la sua prima mossa, senza che ancora si fosse tenuta la riunione di Giunta (si è tenuta mercoledì alle 16) è stata quella di aumentare i numeri di richiedenti asilo nelle zone degradate della città – prosegue CasaPound Varese –vorremmo sapere, come molti nostri concittadini, cosa ha intenzione di fare il Sindaco per evitare che queste persone vadano ad ingrossare le fila di coloro che quotidianamente bivaccano in Piazza Repubblica o nel comparto stazioni. Abbiamo chiesto al Sindaco un incontro per poterci confrontare su questi temi”

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti