“Processo a Pinocchio”: ad Azzate il primo spettacolo in Lombardia

Per la prima volta in Lombardia, dopo il grande successo al teatro Sistina di Roma del 16 novembre 2015, la Pro Loco porta in scena al teatro Castellani il musical più divertente ed irriverente dell’anno

04 gennaio 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
Processo Pinocchio

Giovedì 14 gennaio 2016, ore 21.00 al Teatro Castellani di Azzate “Processo a Pinocchio”, il primo spettacolo in Lombardia della prima psico commedia noir a carattere musicale. Per la prima volta in Lombardia, dopo il grande successo al teatro Sistina di Roma del 16 novembre 2015, la Pro Loco porta in scena al teatro Castellani il musical più divertente ed irriverente dell’anno.

La Pro Loco Azzate in collaborazione con la Freezerdance Studios presenta Cristian Ruiz in “Processo a Pinocchio” con la partecipazione di Luca Giacomelli Ferrarini. L’opera è valso l’Oscar italiano del Musical alle musiche originali di Marco Spatuzzi e candidata finalista come Miglior Musical off con la regia di Andrea Palotto. Nella prima data in Lombardia si avrà l’occasione, solo ed unicamente al pubblico di Azzate il 14 gennaio, di render pubblica l’anteprima un prossimo evento in cui gli autori hanno lavorato per diversi mesi con l’assoluto riserbo.

“Processo a Pinocchio” è una commedia noir di giovani artisti che cantano, ballano e recitano, facendo dell’ironia, della trama particolare un parterre fertile di intrecci inattesi e divertenti. Lo spettacolo è ironico, dal ritmo incalzante, i dialoghi sono piacevolmente corrosivi e piccanti. Si svela poi un epilogo inaspettato e inquietante. Una metafora surreale della favola e della vita. Una commedia noir da una idea originale, innovativa e frizzante. La scena si aprirà con un delitto ed una domanda: Chi ha ucciso, con un colpo di martello, lo psicoterapeuta Salvatore Grillo? Unico indiziato: Pino Lorenzini, bugiardo cronico, che si trova accanto al corpo della vittima con in mano l’arma del delitto. Tuttavia, sulla scena del crimine sono presenti oltre a Pino, sua moglie, che non tiene a freno la lingua, “una” sua amante, che non tiene a freno le sue voglie, “un” suo amante che non tiene a freno i suoi vizi, e la sua invadente mamma che non tiene a freno la sua pazienza.  Tutti sono convinti della colpevolezza di Pino. Tutti o… nessuno? Attraverso un percorso psicoanalitico di gruppo condotto dalla vittima stessa, unica depositaria di una verità che non può rivelare per “segreto professionale”, si ripercorreranno gli eventi e le situazioni, per cercare, fra le psicosi di Pino, un movente che potrebbe dare un senso ai fatti e un sempre e rassicurante lieto fine. Perché in fondo ogni favola inizia con un “C’era una volta” e finisce con un “E vissero tutti felici e contenti”, ma il lieto fine non è assicurato.

In scena:
Cristian Ruiz
Luca Giacomelli Ferrarini (speciale partecipazione)
Debora Boccuni
Giada D’Auria
Nadia Straccia
Claudio Zanelli

Al piano: Federico Zylka

Musiche di Marco Spatuzzi
Scritto e diretto da Andrea Palotto


Teatro Castellani
Via Acquadro 32 – Azzate (Va)
prenotazioni@proazzate.org
Intero Euro 15,00

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti