Primarie centrosinistra, Marantelli: “Lo sport torni ad essere una priorità”

Il deputato interviene sulla situazione degli impianti sportivi comunali

02 novembre 2015
Guarda anche: PoliticaSportVarese
marantastadio

 

«Sport significa divertimento, salute, crescita fisica e mentale per i continui stimoli che offre: per questo un argomento del genere non può essere relegato tra le tematiche politiche meno rilevanti, ma deve rappresentare il fulcro dell’attività amministrativa». Daniele Marantelli, dopo una domenica pomeriggio trascorsa allo stadio “Franco Ossola” per la sfida del campionato calcistico d’Eccellenza tra Varese e Saronno, interviene così su uno degli argomenti a lui più cari: infatti, il candidato alle primarie del centrosinistra vanta una lunga passione per lo sport e per il pallone in modo particolare, avendo anche giocato a livello giovanile proprio nella principale formazione cittadina.
Purtroppo, però, la situazione degli impianti sportivi varesini non è rosea: quasi tutte le costruzioni accusano il peso degli anni, da quelle principali, come lo stadio, il palazzetto, il campo d’atletica, la piscina comunale o il palaghiaccio, ai campetti rionali dove operano lo società sportive meno celebri, ma non per questo meritevoli di minore considerazione. «Per questo occorre pensare ad un deciso ammodernamento delle strutture che lo necessitano» prosegue Marantelli «rafforzando nel contempo il ruolo di un tavolo nel quale si incontrino da un lato l’amministrazione comunale e dall’altro gli operatori, ovvero le società sportive, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno in concessione un impianto municipale». Nel recente passato, Varese ha saputo raggiungere livelli d’eccellenza organizzativa e competitiva nel canottaggio, nel ciclismo e nel volo a vela: ma qualunque attività sportiva, com’è noto, fa bene alle persone di tutte le età. Dunque, per poter invogliare un numero crescente di varesini a praticare il proprio sport preferito, si rende necessario da un lato intervenire corposamente sulle strutture e, dall’altro, dialogare costantemente con le società.
Marantelli conclude con un’immagine forte: «Varese può diventare capitale dello sport: la nostra natura e le tantissime associazioni sono un patrimonio inestimabile. Ora tocca alla politica».

Tag:

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.