Preso il pirata della strada di Belforte

Il conducente della Seicento bianca è indagato per l'incidente ai danni di un motociclista

09 luglio 2015
Guarda anche: AperturaVarese
Polizialocale

Era il 6 giugno, attorno alle 16 del pomeriggio, quando in viale Belforte un motociclista fu investito dal conducente di un’utilitaria bianca, poi datosi alla fuga, lasciando a terra il centauro gravemente ferito.
Da subito i sospetti si sono concentrati sul proprietario dell’auto, che aveva contattato i carabinieri  e la polizia locale segnalando la sparizione della sua auto; questo è bastato per dare un nome e cognome al proprietario dell’auto e partire con le indagini, serratissime i primi giorni e poi con i tempi tecnici nelle settimane a seguire. 

Sono state sentite diverse persone, sempre di più mano a mano che le indagini si sviluppavano, a partire dalle testimonianze di chi aveva assistito all’incidente. Anche il proprietario dell’auto è stato sentito e ha negato ogni responsabilità, fornendo un dettagliatissimo alibi, confermato anche da un amico. Ma le indagini sono andate avanti, in assoluto silenzio.
Nel frattempo, i carabinieri hanno ritrovato l’utilitaria abbandonata nei boschi tra Malnate e Vedano Olona; l’auto è stata subito verificata dalla Polizia Locale che ha potuto confermare essere quella coinvolta nel sinistro. Sono state acquisite immagini di diverse telecamere, anche di privati, che le hanno immediatamente messe a disposizione, e sono anche stati richiesti ed esaminati i tabulati telefonici di diverse utenze, per verificare chiamate in entrata e in uscita e le celle di localizzazione del telefono. Forse il proprietario dell’utilitaria bianca non immaginava tanta pazienza e tenacia investigativa o, forse, non ha tenuto presente quanto sia tracciabile chi usa un telefono cellulare e quante siano le telecamere (pubbliche o private) che riprendono le strade. Alla fine, dopo quattro settimane, alla Procura delle Repubblica che ha da subito assunto la direzione delle indagini, è stato consegnato un fascicolo molto corposo e dettagliato, in cui oltre al proprietario dell’auto, compare come indagato – per favoreggiamento – anche un amico.
Ora la giustizia farà il suo corso, mentre il motociclista è ancora ricoverato in prognosi riservata.
“Non possiamo certo sapere come questa storia andrà a finire – commenta l’assessore alla Polizia Locale Carlo Piatti – ma dobbiamo credere  che alla fine si arriverà alla condanna del colpevole, soprattutto per rispetto ai diritti della vittima dell’incidente e dei suoi familiari. Grazie alla Procura e alla Polizia Locale per il loro lavoro che, specie in queste situazioni, è asservito esclusivamente alla tutela dei diritti fondamentali dei cittadini”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria:
  • Il Mastino della BPM Sport Management Valentino Gallo ha quasi sconfitto il Morbillo: a breve il ritorno a casa

    Negli scorsi giorni l’atleta della Pallanuoto BPM Sport Management Valentino Gallo, durante il ritiro con la Nazionale Italiana in preparazione ai Mondiali di pallanuoto in corso di svolgimento a Budapest in Ungheria, era stato colpito dal Morbillo una malattia infettiva che aveva messo k.o.