Più sesso che amore. Le origini di San Valentino

La festa degli innamorati trae origine dagli antichi riti pagani di Roma

14 febbraio 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese Città
lupercalia

Un anello di brillanti, tasche permettendo, una cena romantica, un mazzo di fiori e, per completare l’opera, un messaggio scritto a mano e non inviato come se fosse “butta la pasta” attraverso un cellulare, sono gli elementi per festeggiare San Valentino.

Ma da dove trae origine questa festa?
Le leggende sono tante e come per molte feste cristiane bisogna risalire alle festività pagane per trovare traccia del nostro presente.
Gli antichi romani il 15 febbraio, in una grotta sul colle Palatino, festeggiavano la conclusione dei Lupercali che era uno dei tanti nomi con cui veniva chiamato il dio Fauno. Il rito lupercale anticamente proveniva dalla campagna ed era un rito arcaico che interessava solo le classi più basse della società e veniva officiato dai pastori proprietari di greggi.
Solo successivamente venne introdotto a Roma.
Con i lupercali si celebrava  il risveglio di Madre natura e l’avvicinarsi della  primavera e, attraverso dei riti “goderecci”, si propiziava un buon raccolto e si auspicava e celebrava la fecondità della donna.
Sul colle Palatino i sacerdoti sacrificavano alla divinità capre ed animali da cortile e, con il sangue degli animali sacrificati, battezzavano due adolescenti.
Dopo il sacrificio i sacerdoti, seminudi e coperti dalle pelli degli animali appena scuoiati,  quasi certamente “alticci”, correvano per la città impugnando una frusta, chiamata “februa”, in cerca di fanciulle da“fecondare”. Le giovani  che erano toccate dalla “februa” venivano “purificate”. Februare significa infatti “purificare” e venivano  rese fertili. Da queste purificazioni trae origine il nome di febbraio.
Inoltre, al termine di questo rito pagano, si svolgeva una sorta di lotteria dove si estraevano due giovani fanciulli che avrebbero dovuto fecondare nell’anno due giovani vergini, anch’esse estratte a sorte.
Con l’avvento del Cristianesimo il rito dei lupercali era troppo licenzioso e troppo intriso di sessualità  promiscua così, alla fine del 400 d. C., Papa Gelasio sostituì la festa con la celebrazione di San Valentino da festeggiarsi appunto  il 14 febbraio di ogni anno. Ovviamente il passaggio fu graduale e dai goderecci lupercali si passò ad una più platonica e morigerate festa degli innamorati grazie all’opera dei monaci benedettini.
Perché San Valentino?
Due sono le leggende principali che riguardano il Santo patrono di Terni. La prima narra che poco prima di essere decapitato Valentino scrisse un messaggio di amore platonico alla figlia cieca di un certo Asterius, che era il suo carceriere, e la fanciulla miracolosamente riuscì a riacquistare la vista e a leggere il messaggio. Da qui la tradizione di scambiarsi messaggi di amore il giorno di San Valentino.
La seconda narra che Valentino notò  due innamorati che stavano litigando animatamente, gli si avvicinò e porse loro una rosa pregandoli di stringerla fra le loro mani. I giovani smisero di litigare e si baciarono. Da qui la tradizione di regalare le rose il giorno di San Valentino.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio