Pinocchio l’avventura di diventare grandi

Uno spettacolo teatrale per aiutare i giovani nella scelta delle scuole superiori

22 novembre 2016
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloScuola e IstruzioneVarese Città
teatro agorà carnago

 E’ stato presentato questa mattina lo spettacolo teatrale “Pinocchio l’avventura di diventare grandi”, a cura di Teatro d’Acqua Dolce, che andrà in scena nella serata di martedì 29 novembre nell’aula magna della Scuola Pellico.
Gli Assessorati ai Servizi Educativi e alle Politiche Giovanili del Comune di Varese con l’Associazione MEET (metodologie ed esperienze per l’Evoluzione e la Transizione) che si occupa di orientamento scolastico, propongono questo spettacolo ai genitori dei ragazzi di terza media.
L’argomento trattato riguarda un momento delicato nella vita degli adolescenti e delle loro famiglie: la scelta degli studi superiori che è la loro prima vera scelta formativa. Il panorama delle possibilità è ormai molto ampio. L’offerta spazia dai licei agli istituti professionali, da quelli tecnici alla formazione professionale e tutti offrono una educazione ugualmente degna di considerazione. Nella scelta del percorso di studi, quindi, si dovrà tenere conto anche delle caratteristiche, degli interessi e della motivazione personale di ogni ragazzo.
Le famiglie sono chiamate a sostenere i propri figli nella scelta della scuola superiore e questo spettacolo, con il successivo dibattito, può essere un valido spunto di riflessione. Le avventure di Pinocchio sono una metafora di quanto i ragazzi e le famiglie si trovano ad affrontare in questo periodo di decisioni. La scelta della scuola superiore rappresenta un momento sempre molto importante nella vita dei ragazzi, che, spesso, a soli tredici anni, non sono in grado di predendere una decisione così rilevante, che in un certo senso, influirà sul loro futuro. Di grande importanza è sicuramente anche la presenza della famiglia che deve cercare di indirizzare il proprio figlio nella scelta che maggiormente rispecchi le sue passioni, inclinazioni e attitudini senza, però, influenzarlo troppo in base alle proprie preferenze e desideri personali. Altro importante punto di riferimento, spesso sottovaluto come sostengo alcuni docenti, è proprio la figura dell’insegnante di riferimento, che nel corso dei tre anni ha avuto modo di analizzare ed entrare in contatto con le attitudini scolastiche e caratteriali di ogni singolo studente.
Incontri di questo tipo sono, quindi, molto utili per far maggiore chiarezza su quale scuola superiore si voglia intraprendere e si consigliano a tutti i genitori e ragazzi che quest’anno saranno alle prese con questa importante decisione.
Il giovane protagonista dello spettacolo rappresenta il mondo dei giovani studenti che, “orientati e/o disorientati” possono vivere questo momento di scelta come positivo se famiglia e docenti mettono in discussione le loro stesse premesse e convinzioni. Al termine dello spettacolo, della durata di circa cinquantacinque minuti, si terrà un dibattito con Luca Monti e Silvia Bassanini sulla loro guida per i genitori: “La scelta della scuola superiore L’avventura di diventare grandi”. I due autori saranno poi a disposizione per le domande da parte degli uditori.

Tag:

Leggi anche: