Paris: “Verso le elezioni ascoltando i cittadini”

Il segretario cittadino del Pd annuncia l'inizio della campagna elettorale. E fa il bilancio dei suoi due anni di mandato

03 febbraio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese
FB_IMG_1454488457975

 

FB_IMG_1454488457975

“Noi abbiamo fatto scegliere il candidato sindaco alle persone. Dall’altra parte non solo rifiutano l’idea delle primarie, preferendo il recinto dei partiti. Ma addirittura non sono ancora riusciti a trovare il candidato”. 

Luca Paris, segretario cittadino del Pd, fa il punto della situazione in vista delle elezioni comunali di giugno. Elezioni ormai prossime, perché mancano pochissimi mesi e ormai stiamo entrando nel vivo della campagna elettorale. Se non fosse che, come sottolinea Paris, il principale avversario del centrosinistra non è riuscito ad individuare un possibile candidato sindaco.

“Il sindaco Fontana si è detto contrario alle primarie del centrodestra, chieste legittimamente ed a gran voce dai “Bavaresi”, ed ha definito “una cosa abbastanza ridicola” le primarie del centrosinistra, alle quali hanno partecipato quasi tremila di varesini – commenta Paris – evidentemente per lui è meglio che il candidato sindaco venga scelto dai partiti nel recinto chiuso di una stanza. Lo stesso atteggiamento di chiusura con il quale, un anno e mezzo fa, venne ignorata dall’amministrazione comunale la richiesta, promossa da Varese 2.0 e firmata da migliaia di persone, di fermare il parcheggio alla Prima Cappella al Sacro Monte. O quello tenuto nella lunga ed avvilente, dal punto di vista amministrativo, vicenda del Piano di Governo del Territorio, con la scarsissima attenzione dell’amministrazione nel promuovere il coinvolgimento partecipativo dei cittadini e degli addetti ai lavori, rinunciando così ad un prezioso contributo di qualità e di esperienza”.

Un atteggiamento che il Pd rifiuta: “Noi pensiamo che i politici debbano sempre prima ascoltare e consultare i cittadini e poi decidere”.

COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI

Il Pd si avvicinerà alle elezioni coinvolgendo i cittadini sempre di più.
“La direzione cittadina ha certificato l’appoggio di tutto il partito al candidato sindaco Davide Galimberti.
Per i prossimi tre mesi, i nostri quattro circoli territoriali organizzeranno varie iniziative nei rioni della Città, per parlare delle problematiche dei quartieri direttamente con le persone che ci abitano: i cittadini potranno constatare di persona che c’è chi vuole conoscere i loro problemi per cercare poi realmente di risolverli e potranno farci sapere cosa si aspettano dal futuro sindaco.
In primavera ci sarà la seconda “Leopoldina” varesina. Come nella prima, coinvolgeremo nel confronto le Associazioni, il mondo del lavoro e dell’impresa, quello della scuola, della cultura e dell’università e tutti gli stakeholders presenti sul territorio, sui temi del nostro programma amministrativo, il lavoro e l’economia, l’urbanistica, l’ambiente, la mobilità e i servizi, la cultura, il sociale, i giovani e lo sport”.

LA COALIZIONE

Per quanto riguarda la nostra coalizione, l’impegno sarà quello di consolidarla e cercare di allargarla, secondo quanto convenuto con gli attuali alleati, per avere il massimo consenso possibile in vista dell’appuntamento elettorale.
Purtroppo Varese é ferma da molti anni, anche per responsabilità degli attuali amministratori, e chi verrà eletto avrà il dovere di pensare a farla ripartire.
Dalle parti della lega e del centrodestra, invece, pare che per ora ci sia nebbia fitta, a partire dalla scelta del nome del candidato sindaco”.

INNOVAZIONE, PARTECIPAZIONE, RESPONSABILITÀ

“Sono trascorsi poco più di due anni dalla data nella quale sono stato eletto segretario cittadino del Pd di Varese, convinto che “fare politica” debba rappresentare un periodo, non troppo prolungato, in cui si decide di mettere a disposizione parte delle proprie energie e del proprio tempo per cercare di migliorare la qualità della vita e dello stare insieme delle persone che vivono nella tua Città e nel tuo Paese.
Da subito ho impostato la mia attività politica ispirandomi ai principi di innovazione, partecipazione, responsabilità.
Innovazione per me significa portare all’interno della politica il linguaggio delle persone e delle famiglie, per poter prestare la giusta attenzione e dare soluzioni concrete ai loro problemi e bisogni.
Partecipazione vuole dire coinvolgere tutti i cittadini che lo desiderino nelle decisioni fondamentali della vita pubblica. Non solo al momento del voto, ma anche quando vi siano decisioni importanti da prendere per la città o per il quartiere in cui si vive: la realizzazione di una scuola, di un parcheggio o di un giardino pubbico, oppure la scelta di come destinare una parte delle risorse del bilancio del comune. Gli strumenti non mancano, dal bilancio partecipativo, al referendum propositivo e consultivo ed altri ancora.
Responsabilità significa affrontare il proprio impegno pubblico sapendo che di tutto quello che si farà, o non si farà, si dovrà poi rispondere, oltre che alle persone che hanno avuto fiducia in te e che ti hanno sostenuto, anche di fronte all’ intera comunità cittadina.

Tra i tanti passaggi politici che hanno segnato sino ad ora la mia attività “al timone” del PD cittadino, ne voglio ricordare in particolare quattro: la “battaglia” politica per la modifica del PGT, condotta, oltre che in Consiglio comunale, attraverso la nostra tangibile presenza sul territorio, che ha toccato i luoghi più sensibili all’ impatto dello strumento urbanistico proposto dall’amministrazione; il lavoro di costruzione del programma del PD in vista delle elezioni, reso visibile nell’ immagine della “Leopoldina” della Schiranna dello scorso mese di giugno, che ha coinvolto ai tavoli di lavoro programmatico una grande parte della Città attiva; le elezioni primarie per la scelta del candidato Sindaco del centrosinistra, storicamente le prime a Varese e nella sua Provincia, che hanno avuto una straordinaria partecipazione; la costruzione della coalizione in vista delle primarie e delle elezioni amministrative, insieme al movimento civico di Varese 2.0″.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti