Parchi pubblici Busto Arsizio: la chiusura è assegnata all’Istituto La Patria

Con La Patria: uno sguardo vigile sulla sicurezza dei parchi in città

14 settembre 2018
Guarda anche: Varese Città

Atti vandalici, uso improprio nelle ore notturne, presenze non autorizzate all’interno degli spazi del parco, bivacchi, sono solo alcuni dei problemi che una pubblica amministrazione deve affrontare quotidianamente per gestire il patrimonio verde delle città. I parchi sono indispensabili per garantire vivibilità degli ambienti urbani, spazi di socializzazione per tutti, ma con un pensiero particolare ai bambini e qualità dell’aria, specialmente nelle grandi città.

Gli ampi spazi aperti, facilmente accessibili, sono però terreno di gestione molto difficile per chi deve garantirne la sicurezza e il controllo specialmente nelle ore serali e notturne, quando l’utenza abituale si allontana per tornare alle proprie case. Ed è qui che spazi gioco, panchine e manufatti vengono presi di mira dai vandali, mentre le aree più nascoste possono diventare terreno fertile per traffici illegali come lo spaccio o per bivacchi notturni non autorizzati.

Per garantire il corretto uso degli spazi verdi, tutelarne l’integrità e mantenerne il carattere di ambiente fruibile a tutti, l’amministrazione Comunale di Busto Arsizio ha quindi deciso di assegnare a una vigilanza privata la protezione dei suoi spazi verdi, scegliendo La Patria come suo partner per la sicurezza.

Infatti, sono ben 20 i parchi pubblici su cui La Patria svolge il proprio servizio di vigilanza, con un team di professionisti che all’inizio e alla fine di ogni giornata, si occupa di aprire e chiudere i parchi della città, controllando la situazione attorno ai giardini, operando una bonifica al loro interno, verificando che alla chiusura non si rilevino eventuali danni e che nessuno sia, casualmente o intenzionalmente, rimasto all’interno.

Si tratta di un servizio capace di produrre effetti positivi sulla sicurezza di una città, al di là dello specifico intervento, grazie alla presenza delle pattuglie in circolazione sul territorio cittadino, alla capillarità dei tragitti urbani percorsi e al diffuso senso di sicurezza che la vigilanza è in grado di infondere tra i cittadini.

Sono molte le amministrazioni pubbliche che si affidano a La Patria, per garantire la sicurezza degli spazi sia durante manifestazioni che nel corso dell’operatività quotidiana, con servizi che spaziano dal piantonamento alla vigilanza, dai servizi speciali alla custodia chiavi per arrivare poi a servizi tecnologici avanzati come le architetture di allarme e videosorveglianza, sviluppate ad hoc per la tutela di spazi e ambienti chiusi.

Tag:

Leggi anche:

  • Verifica stabilità a Busto Arsizio presso l’istituto Pietro Verri

    Giovedì 15 novembre, alle ore 14:00, i vigili del fuoco del distaccamento di Busto/Gallarate sono intervenuti nel comune di Busto Arsizio (Va), in via Torino, presso l’istituto professionale commercio e turismo “Pietro Verri” per verifica stabilità. Durante l’orario delle
  • Inaugurato a Busto Arsizio “Sportello del Garante regionale dei detenuti”

    “Avvicinare l’istituzione regionale ai detenuti è un importante segnale di attenzione e sensibilità. Anche chi si trova in condizioni di restrizione della libertà personale deve poter accedere ai servizi previsti dalla legge e fruire dei diritti civili garantiti. In particolare,
  • Festa nazionale degli alberi: 33 piante in regalo alle scuole

    In quest’occasione, l’assessorato al verde, con la collaborazione di Agesp Spa, consegnerà a otto scuole della città 33 piante e arbusti donati da ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) nell’ambito dell’attività di conservazione rivolta a piante forestali
  • “Sportello del Garante regionale dei detenuti” a Busto Arsizio (VA)

    Il Difensore regionale della Lombardia Carlo Lio e il Direttore della Casa Circondariale Orazio Sorrentini, inaugureranno domani, giovedì 15 novembre, il nuovo “Sportello del Garante regionale dei detenuti” iniziativa che segue quelle analoghe già avviate presso gli Istituti Penitenziari