Palazzo Estense diventa arcobaleno. Su Facebook

Sul social network parte la campagna con la sede del Comune in versione arcobaleno per dire sì ai diritti gay

16 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1455576995476

La foto di Palazzo Estense in versione “arcobaleno”. Per dire no all’omofobia. Questa la risposta degli attivisti varesini per i diritti gay, dopo che nella sede del Comune è stato ospitato, nella serata di lunedì, un convegno con relatore l’avvocato Gianfranco Amato, principale protagonista delle battaglia contro la “teoria gender”.

“Il Comune di Varese ha patrocinato un convegno omofobo di Gianfranco Amato, organizzatore del family day.
Condividi un Palazzo Estense arcobaleno, sede del municipio, per dire no all’omofobia e alla transfobia a Varese” è il messaggio su Facebook del portavoce di Insubria Lgbt Giovanni Boschini.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Popolo della Famiglia al Palace hotel

    La sala del Palace Hotel di Varese era strapiena ieri 18 febbraio per l’incontro dei candidati, militanti e simpatizzanti del Popolo della Famiglia che si sono ritrovati con il loro leader Gianfranco Amato ed il cantante Giuseppe Povia in una serata molto particolare. Gianfranco Amato ha
  • Il comune di Varese dice sì al “Varese Pride”

    Arcigay Varese è lieta di annunciare che quest’anno il Varese Pride 2017 avrà il patrocinio del Comune di Varese. Lo ha stabilito la giunta comunale in un provvedimento votato all’unanimità su proposta della richiesta pervenuta dall’associazione. L’anno scorso era stato
  • Arcigay Varese: “Garantire le celebrazioni delle unioni civili”

    D’altronde, la cerimonia non deve essere officiata necessariamente dal sindaco, bensì da un ufficiale di stato civile, così come indicato dai decreti attuativi e dal parere del Consiglio di Stato. “Le coppie non si fermino di fronte al primo diniego” – dichiara Giovanni Boschini,
  • Varese: aggressione verbale ad una coppia gay

    L’ultimo caso segnalato riguarda un’aggressione verbale ai danni di una coppia di giovani che vuole mantenere l’anonimato: “Eravamo seduti su una panchina in centro, abbracciati. Alcuni ragazzi hanno iniziato a prenderci a parole, chiedendoci se non ci vergognavamo ad abbracciarci in