Ospedale Del Ponte, Bravi smonta le paure: “Dal 2016 sarà operativo”

31 posti in più nel padiglione Michelangelo a testimonianza degli investimenti

24 luglio 2015
Guarda anche: SaluteVarese Città
bravi

Dall’anno prossimo il nuovo Ospedale Del Ponte inizierà ad essere operativo e, progressivamente, diventerà un polo di riferimento materno-infantile per tutto il nord-ovest della Lombardia, in grado di offrire un’assistenza alle donne e ai bambini non solo più ampia ma anche più completa grazie ai cospicui investimenti già stanziati da Regione Lombardia e in gran parte già tradotti in interventi strutturali.

Questo avverrà a prescindere dalla cosiddetta ‘terza fase’, di cui ogni tanto si parla sulla stampa, che non tocca assolutamente la sostanza del progetto, consistendo in un intervento di tipo accessorio e che si limiterebbe a completare le strutture già create con una hall per accogliere i pazienti in un ambiente ancor più confortevole.

Nel dettaglio, il primo lotto di investimenti, pari a 5 milioni di euro, ha permesso la ristrutturazione di tutto il Padiglione Nuovo, creando le premesse necessarie alla successiva e ancora più decisiva fase. Con il secondo lotto, infatti, che ha portato sul Del Ponte altri 22 milioni di euro, si sta terminando di costruire il nuovo padiglione, denominato Padiglione Michelangelo, che sarà in gran parte occupato dai reparti pediatrici e che sarà consegnato all’Azienda ospedaliera nel 2016.

In particolare, in questo nuovo edificio saranno ospitati 20 posti letto di Neonatologia (rispetto agli attuali 15), 10 posti letto di TIN (rispetto agli attuali 5), 12 posti letto di Neuropsichiatria Infantile, di cui 10 ordinari e 2 di day hospital (rispetto agli attuali 2 posti letto di day hospital) e 33 posti letto di Pediatria (rispetto agli attuali 22).

Pertanto le strutture pediatriche che verranno trasferite nel padiglione Michelangelo avranno un incremento di 31 posti letto (pari a + 76,5% rispetto agli attuali), un numero che da solo rende già l’idea dello sforzo compiuto e offre un’importante garanzia su quello che sarà il futuro del nuovo polo materno-infantile. A ciò si aggiunga che la tecnologia, l’attrezzatura e gli arredi di questa nuova struttura sono assicurati da un ulteriore investimento di oltre 9 milioni di euro messo a disposizione dalla Regione all’Azienda ospedaliera e che è finalizzato proprio a completare e rendere operativo il nuovo polo materno-infantile, offrendo tutti i servizi indispensabili allo svolgimento delle nuove attività sanitarie.

“L’ipotetica terza fase del progetto, pensata dieci anni fa, – tiene a sottolineare il Direttore generale, Callisto Bravi – non è indispensabile per lo svolgimento delle attività né per quelle presenti, né per quelle più ampie che saranno incrementate a partire dall’anno prossimo. Voglio anche ringraziare le associazioni che in questi anni hanno dato e continuano a dare un contributo, non solo economico, alla crescita e allo sviluppo di questo ospedale”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio