“Okkio alla salute”: parte la battaglia contro l’obesità infantile

Dai dati nazionali emerge che i bambini in sovrappeso sono il 20,9% e i bambini obesi sono il 9,8% compresi quelli severamente obesi che da soli sono il 2,2%

29 ottobre 2015
Guarda anche: Salute e CucinaVarese Città
obesità-infantile

Sovrappeso e obesità sono riconosciuti, a livello internazionale, come fattori di rischio per lo sviluppo di patologie cronico-degenerative: l’OMS – Organismo mondiale della Sanità – la definisce una sfida prioritaria in “sanità pubblica”.

L’obesità e il sovrappeso in età infantile hanno delle ripercussioni sulla salute del bambino tanto sull’apparato muscolo-scheletrico, che cardiovascolare e possono anche nei primissimi anni di vita predisporre all’insorgenza di sindrome metabolica e diabete di tipo 2, ovvero quello provocato proprio da scorretti stili di vita. 

Il Ministero della Salute/Centro Controllo Malattie ha promosso e finanziato – dal 2007 – il sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE, coordinato dal Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Istituto Superiore di Sanità e condotto in collaborazione con le Regioni e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Il progetto di sorveglianza “OKkio” è inserito nel Programma europeo “Childhood Obesity Surveillance Initiative (COSI)”.

OKkio alla SALUTE, che ha una periodicità biennale, descrive la variabilità geografica e l’evoluzione nel tempo dello stato ponderale, degli stili alimentari, dell’abitudine al movimento dei bambini della terza classe primaria e delle attività scolastiche favorenti la sana nutrizione e l’attività fisica.

Nel 2014, in Italia, hanno partecipato al progetto 2.672 classi, 48.426 bambini e 50.638 genitori, distribuiti in tutte le regioni. Dai dati nazionali emerge che i bambini in sovrappeso sono il 20,9% e i bambini obesi sono il 9,8% compresi quelli severamente obesi che da soli sono il 2,2%.

Persistono tra i bambini le abitudini alimentari scorrette con attitudine a mangiare poca frutta e verdura, oltre a fare poca attività fisica, anche se si evidenziano, rispetto alle rilevazioni precedenti, dei leggeri miglioramenti.

La raccolta dati è stata realizzata col prezioso contributo della scuola, che ha reso disponibili le professionalità per rendere fattibile la rilevazione. Dall’analisi dei dati è emersa una riduzione nel numero dei bambini in sovrappeso, ma un aumento dell’obesità. Da ciò si desume l’esigenza di correre ai ripari a partire da una più capillare attenzione alla corretta alimentazione e alla diffusione della cultura dell’attività fisica.

È quindi necessario ribadire, dentro e fuori le mura domestiche, l’importanza di aumentare il consumo di frutta e verdura. E diminuire le ore di attività sedentaria che sono tra le principali “pratiche” che predispongono all’aumento di peso.

Tag:

Leggi anche:

  • Nessun tecnico di ATS Insubria svolge attività porta a porta

    Sono state registrate alcune segnalazioni, nella zona del gallaratese, relative a due giovani donne che mostrano un tesserino ASL e cercano di entrare nelle case di persone anziane in qualità di tecnici che verificano problematiche relative alle polveri sottili. Si tratta di truffatrici: l’ASL,
  • Falsi addetti ATS/ASL rilevazione polveri sottili

    In questi giorni viene ripetutamente inoltrata, nelle messaggerie dei telefoni cellulari, la segnalazione della presenza di due individui di sesso femminile che si qualificano come tecnici delle prevenzione per la rilevazione di polveri sottili, inviate da ASL Varese, che come sapete non esiste
  • Si apre la stagione dei funghi: l’Asl di Varese offre controlli gratuiti

    2) intervenire nei casi di sospetta intossicazione da funghi – su richiesta del pronto soccorso e con l’obiettivo di individuare la specie fungina che ha causato l’intossicazione permettendo così una terapia appropriata per il paziente. Lo scorso anno sono pervenute n. 12 richieste di
  • Casette dell’acqua: ecco le regole per utilizzarle al meglio

    Le “stazioni erogatrici” sono fornite di moderni impianti per la distribuzione di acqua naturale o frizzante, refrigerata o a temperatura ambiente che è la stessa dell’acquedotto cittadino, da cui viene fornita: sicura e buona da bere perché certificata da rigorosi controlli periodici. Tra